Pianeta Strategy: STRATEGIE VINCENTI FANTACALCIO

Fantacalcio - Algoritmo Biortimo per ricavare i migliori giocatori durante la stagione - Statistiche innovative per il fantacalcio - Calcio Mercato 2018/2019

PianetaTV
SCEGLI squadra
PIANETA STRATEGY : STRATEGIE PER VINCERE LA TUA LEGA PRIVATA
RUBRICA PIANETA STRATEGY
PIANETA STRATEGY
FANTACALCIO RUOLO SERIE A LISTONE

Ipotizziamo quali modifiche del listone potrebbero coinvolgere gli attuali calciatori di serie A

Scritto da

Giochi "di ruolo", quali giocatori potrebbero cambiare fanta-posizione l'anno prossimo?

Noi di PianetaFanta.it siamo già proiettati verso la prossima stagione, già ad analizzare il prossimo listone! Perchè sì, la mente del fantallenatore, che abbia vinto o abbia perso, non si ferma mai, e dopo appena 5 giorni dalla conclusione del campionato di serie A, si inizia a fantasticare sulla prossima asta.

Ogni anno i primi feroci dibattiti nascono dall'analisi del listone iniziale: come fa Tizio ad essere listato centrocampista, mentre Caio difensore!? E lui, ha segnato 2 gol in tutta la stagione, gioca esterno, lo mettono attaccante? Ma dai! Oggi noi cercheremo di prevedere il futuro, ed analizzare quali potrebbero essere i movimenti nel listone 2019/2020, studiando l'anno appena concluso.

Tra i difensori dell'annata appena conclusa non ci dovrebbero essere movimenti, due unici dubbi: gli esterni di GasperiniHans Hateboer-Robin Gosens-Timothy Castagne, e il giocatore tutto fare di Mazzarri Cristian Ansaldi. I primi, nonostante la forte propensione offensiva e i bonus raccolti, potrebbero rimanere difensori, il 3-4-2-1 di Gasperini in fase difensiva si trasforma in linea a 5; il secondo nella parte finale di stagione ha giocato anche mezz'ala di centrocampo, oltre ad esssere un affidabilissimo esterno nel 3-5-2 granata, ha tutte le carte in regola per trasformarsi in centrocampista l'anno prossimo.

A centrocampo la fantasia ha più spazio, molti giocatori saranno sicuramente in un limbo. Iniziamo dal caso più eclatante, quello del cagliaritano Joao Pedro, che ha giocato praticamente tutto il campionato come partner d'attacco di Pavoletti, realizzando 7 gol e panchinando attaccanti puri come Sau e Farias prima, Cerri, Thereau e Despodov dopo. Con buona probabilità comparirà la lettera A di fianco al nome del brasiliano l'anno prossimo.

Caso simile è quello del Tucu Joaquin Correa, fantasista della Lazio, listato centrocampista, che però dal suo arrivo ha giocato sempre in tandem offensivo con Immobile o Caicedo, agendo da punta di movimento, ma pur sempre punta. Probabilmente seguirà il percorso di Luis Alberto due anni fa: a proposito dello spagnolo, farebbe felici molti fantallenatori l'arretramento del giocatore a "centrocampista". Mister Inzaghi lo ha sfruttato spesso mezz'ala di centrocampo, con libertà di attaccare: con questa mossa addirittura è stato sacrificato un totem come Parolo in mediana.

Passiamo ad un altro caso spinoso, quello del turco Cengiz Under, autore di una stagione deludente dopo l'exploit dell'anno precedente. Sostanzialmente giocando nel tridente offensivo giallorosso, il ruolo più consono potrebbe essere attaccante, come ad esempio El Shaarawy. I 3 gol e 6 assist di quest'anno però potrebbero trattenerlo ancora tra i centrocampisti, quindi in quel caso potrebbe rimanere un pezzo pregiato all'asta iniziale.

Il Milan di quest'anno raramente ha modificato il suo assetto, Gattuso ha sempre puntato sul 4-3-3; ora ancora non conosciamo il nuovo allenatore, ma se la situazione rimanesse questa Samu Castillejo e Fabio Borini dovrebbero essere spostati da centrocampisti ad attaccanti, in quanto utilizzati nel tridente spesso a gara in corso per dare brio all'azione offensiva, dando respiro a Suso; discorso diverso per Calhanoglu, che nonostante giochi nel tridente, ha un ruolo più di raccordo, con movimenti e giocate da centrocampista puro.

Da centrocampisti hanno buona probabilità di diventare difensori, acquisendo fanta-appetibilità: parliamo di Romulo e Diego Laxalt. Il primo, soprattutto da quando si è trasferito alla Lazio, ha agito sempre da laterale nel 3-5-2, alternandosi con Marusic, che è considerato difensore nel listone. L'uruguaiano invece con Mister Gattuso è stato l'alternativa al terzino sinistro Rodriguez, e potrebbe diventare conveniente (se rimanesse al Milan) prenderlo in coppia con il terzino titolare.

Non ha avuto numeri da attaccante, ma Federico Bernardeschi potrebbe essere spostato tra le punte, in quanto comunque ha sempre giocato nel tridente offensivo di Allegri. Stagione in chiaroscuro, se venisse spostato tra gli attaccanti, potrebbe subire un'ulteriore svalutazione. Caso molto dubbio, ci pronunceremo più avanti in base anche l'evolversi del nodo allenatore Juventus.

Pessimismo per Josip Ilicic, che se dovesse rimanere a Bergamo, la lettera A accanto al suo nome potrebbe rimanere. Se dovesse trasferirsi a Milano o a Napoli, la situazione potrebbe cambiare, arretrando il suo raggio d'azione, resta il fatto che il valore assoluto del giocatore lo porta ad essere un pezzo pregiato in qualsiasi ruolo di qualsiasi asta, i numeri sono strabilianti!

La posizione di Simone Verdi è sempre stata un'incognita, anche perchè può ricoprire ogni ruolo dal centrocampo in su. Quest'anno è stato listato attaccante, ma Ancelotti spesso lo ha adattato esterno nel 4-4-2, arretrandone il baricentro. Per lo stesso motivo, la trasformazione tattica ancellottiana ha colpito anche Jose Maria Callejon, stakanovista corridore di fascia che con Sarri era punto fermo nel tridente offensivo, mentre con Carletto si è ritrovato nei 4 di centrocampoFanta-occasioni in arrivo?

 

 

Approfondimento Pianeta Magazine : PIANETA STRATEGY : ANALISI POST-GARA IN CHIAVE FANTACALCISTICA | pianetafanta.it | Pianeta Sos
30/05/2019

LECCE FANTACALCIO SERIE A FANTACONSIGLI

Ecco i primi consigli e annotazioni per l'asta 2019/2020, analizziamo la seconda neopromossa

Scritto da

Doppio salto Lecce, le nuove fanta-occasioni e i prossimi colpi a sorpresa

All'ultima giornata la serie B, che sta attraversando momenti turbolenti dopo lo spinoso caso del Palermo, ha eletto la seconda neopromossa in serie A per l'annata 2019/2020: il Lecce. Gran parte del merito è dell'emergente tecnico Fabio Liverani, ex regista di molte squadre di serie A, che ha portato dalla terza serie alla massima categoria la squadra salentina, contro ogni pronostico.

Mister Liverani ha amalgamato un gruppo umile e ha saputo tirare fuori il meglio da una squadra "normale", e da tutti i giocatori della rosa. Un modulo ben rodato, con le uniche varianti dei tre giocatori offensivi: il 4-3-1-2 o 4-3-2-1, fondato su un pressing alto, palla bassa, giocate rapide e l'importanza del regista, ovvia per il proprio passato da giocatore. Una bella rivincita per un allenatore che aveva subito accarezzato la serie A per un mese e mezzo con il Genoa, che lo aveva elevato dalle giovanili alla prima squadra, ma esonerato dopo solo 6 partite.

Il ds Meluso ha allestito una rosa competitiva partendo da giocatori esperti in cerca di rilancio: perno della difesa Fabio Lucioni, recente conoscenza della serie A, dopo la sfortunata stagione con il Benevento, rovinata prematuramente dalla squalifica per doping a novembre. Attaccato alla causa leccese, ha rifiutato la corte del Sassuolo di De Zerbi a gennaio che lo avrebbe riportato in serie A subito, per continuare ad essere leader al Via Del Mare. Anche quest'anno, sempre a causa di quella squalifica praticamente fino a novembre non ha potuto giocare, ha raccolto però da allora 24 presenze, 2 gol e prestazioni super: sicuramente sarà un ottimo giocatore per completare il reparto difensivo in molte fantarose.

Stagione stratosferica per l'altro esperto Marco Mancosu, attaccante di raccordo ex giovanile Cagliari, che ha per anni galleggiato in serie C (o Lega Pro), non riuscendo mai a compiere quello "scatto" verso le serie maggiori. Quest'anno paradossalmente per la prima volta è arrivato in doppia cifra, ben 13 gol e un'importanza tattica notevole per Liverani, che lo ha utilizzato per ben 35 partite. Da gennaio con la partenza di Lepore, diventa il capitano dei giallorossi, rinnovando anche il contratto con il club. Rigorista, occhio al possibile exploit in massima serie in stile "Ciano".

Giocatore che non sarà sicuramente una sorpresa è il ventottenne greco Panagiotis Tachtsidis, mediano girovago tra serie A italiana e greca, arrivato dal Nottingham Forest a gennaio dopo 0 presenze! Con 17 presenze è diventato un punto fermo di Mister Liverani, pochi bonus ma titolarità e rendimento garantiti.

Bomber dei salentini è Andrea La Mantia, che con 17 reti è il miglior realizzatore della squadra. Tanta gavetta anche per lui, militando per anni in serie minori e solamente nella Virtus Entella e Pro Vercelli in B. Per l'attaccante ventottenne il salto in massima serie potrebbe esaltare le sue qualità di prima punta, forte di testa e capace di fare reparto da solo. Tanti complimenti anche per Simone Palombi, sparring partner di La Mantia, che ha realizzato 8 gol in 28 presenze, ma rientrerà dal prestito alla Lazio, che potenzialmente potrebbe girarlo ancora in B vista la giovane età (classe 1996).

Dopo tanti trasferimenti e prestiti, ritrova la serie A, assaggiata solo per metà stagione a Bologna, Filippo Falco, soprannominato "Il Messi del Salento". Con le dovute cautele, il paragone è dato dalla imprevedibilità di giocata in campo e dalla tecnica sicuramente sopra la media; il ruolo di trequartista nel sistema di Liverani lo esalta, e anche i bonus (ben 7 gol) quest'anno non sono mancati: siamo davanti ad un potenziale crack fantacalcistico?

Potrebbe essere confermato tra i pali Mauro Vigorito, ventinovenne portiere che con le sue parate ha spesso salvato la squadra dalla capitolazione. Dopo aver assaggiato la serie A con Massimiliano Allegri al Cagliari, il portiere sardo ha giorovagato tra B e C, confermandosi a buonissimi livelli, chissà se riuscirà ad essere confermato in serie A, ma per le prestazioni stagionali offerte, meriterebbe di difendere la porta salentina anche in massima serie.

Approfondimento Pianeta Magazine : PIANETA STRATEGY : ANALISI POST-GARA IN CHIAVE FANTACALCISTICA | pianetafanta.it | Pianeta Sos
21/05/2019

BRESCIA FANTACALCIO SERIE A FANTACONSIGLI

Ecco i primi consigli e annotazioni per l'asta 2019/2020, analizziamo la prima neopromossa

Scritto da

Un BresciA tutto da scoprire, occhio alle fanta-occasioni!

Dopo 8 lunghissimi anni, il Brescia Calcio approda nuovamente nel campionato maggiore italiano, dopo una cavalcata trionfale che lo ha visto da gennaio in poi staccare le dirette concorrenti, fino alla promozione ottenuta con due giornate di anticipo.

Le Rondinelle di patron Cellino hanno trionfato con merito in un campionato contestatissimo e pieno di insidie, guidati da un allenatore emergente come Eugenio Corini, ex regista di Chievo, Palermo e Torino. Al primo anno sulla panchina dei lombardi, ha conquistato una promozione diretta storica, riportando una piazza importante nella massima serie.

Noi di PianetaFanta.it giochiamo di anticipo e vogliamo già consigliarvi alcuni dei protagonisti della cavalcata, che potrebbero sbarcare nel listone fantacalcistico del prossimo anno.

Il pezzo più pregiato è sicuramente Sandro Tonali, diciannovenne metronomo della squadra che ha già addirittura assaporato la Nazionale maggiore rispondendo a più convocazioni di Roberto Mancini, che come abbiamo visto con Zaniolo, mette in luce talenti nascosti da soldi e sponsor. Sul mediano cresciuto nelle giovanili delle Rondinelle ci sono gli occhi di mezza serie A, sicuramente farà parte del nostro prossimo listone. Annata da incorniciare per lui, 34 presenze, 3 gol e 4 assist, sono statistiche da leccarsi i baffi per i "fanta talent-scout". Per contro troppe ammonizioni, ben 12, sinonimo di inesperienza o di troppa irruenza dovuta alla gioventù: nonostante ciò, siamo davanti al nuovo Pirlo?

Altro pezzo da 90 nella rosa di Corini è il bomber della serie B Alfredo Donnarumma, filibustiere dei campionati minori, venduto al Brescia nonostante il campionato vinto con l'Empoli. A trent'anni potrebbe (e dovrebbe!) approdare in serie A per la prima volta, se così farà potremmo trovarci di fronte ad un bomber di provincia da almeno doppia cifra. Quest'anno per lui 25 gol e 7 assist in 32 presenze: numeri da capogiro che farebbero gola a qualsiasi fantarosa del prossimo anno.

Occhio al compagno di reparto di Donnarumma, Ernesto Torregrossa, che similmente al cognome che porta, lavora per la squadra, giocando di sponda e "facendo reparto". 12 gol per lui in questa serie B, al terzo anno al Brescia, potrebbe essere comunque un nome da annotare per completare il nostro parco attaccanti.

Prendere nota anche di due centrocampisti che hanno il bonus nelle corde: parliamo del trequartista Nikolas Spalek e il tuttocampista Dimitri Bisoli, figlio d'arte di Mister Pierpaolo. Il primo è dotato di buona tecnica e velocità importante, e nonostante la giovane età, lo slovacco ha personalità da vendere (2 gol in 27 presenze); il secondo è un giocatore duttile, che oltre a grinta e corsa ha il vizietto del gol. Per lui 6 gol nell'ultima stagione, 5 e 5 nelle due precedenti in serie B, un dato sicuramente da tenere in mente per la prossima asta.

Concludiamo con il ritorno in serie A per capitan Gastaldello, ormai 36enne ma con l'esperienza giusta, e Bruno Martella, terzino ex Crotone che non disdegna assist e gol.

Approfondimento Pianeta Magazine : PIANETA STRATEGY : ANALISI POST-GARA IN CHIAVE FANTACALCISTICA | pianetafanta.it | Pianeta Sos
15/05/2019

BERARDI D. MERTENS D. PASALIC M. SORIANO R.

Consigli e 'avvertimenti' sui 4 giocatori che possono svoltare la vostra classifica

Scritto da

Non solo Berardi, ecco i giocatori più in forma del momento al fantacalcio

Ultime 4 giornate all'orizzonte, non si possono più commettere errori in ambito fantacalcistico. Soprattutto per leghe dove si possono ancora fare i cambi, ma anche nelle altre, per scegliere meglio la formazione, vi vogliamo dare alcuni consigli.

Il nostro unico ed inimitabile Bioritmo non ha sbagliato nemmeno questa volta: Berardi subito in gol dopo averlo predetto nella nostra rubrica settimanale. Il Sassuolo è ormai salvo e senza obiettivi davanti a sé, ma come abbiamo visto lunedì sera De Zerbi ci tiene a fare bene e Mimmo Berardi è pronto a trascinare i neroverdi. Ad oggi ha raggiunto i 7 gol, e domenica c'è il Frosinone: noi uno slot nella nostra formazione lo terremmo libero per il talento calabrese. Poi Roma, Torino e Atalanta, sfide ostiche ma che potrebbero riservare qualche sorpresa con segno gol. Arriverà a doppia cifra? Difficilissimo, ma non impossibile.

Altro giocatore che sta diventando imprescindibile per Ancelotti e tutti i fantallenatori è Dries Mertens, folletto belga del Napoli, che domenica ha raggiunto i 13 gol in campionato (raggiunto Maradona a 81 gol), segnando una punizione magistrale e sbloccando la partita contro il Frosinone. Autore anche di 8 assist, ha giocato solamente 21 partite da titolare, con Insigne e Milik hanno lottato per due maglie. Il girone di ritorno, e in special modo nelle ultime partite, Insigne ha dato forfait ufficialmente per problemi fisici, nascondendo però problemi contrattuali. Le prossime partite, seppur senza motivazioni essendo già fuori dalla lotta scudetto e sicuri della qualificazione alla prossima Champions, saranno agevoli e l'estro degli attaccanti verrà valorizzato: Mertens sarà un valore aggiunto in questo finale di stagione.

[IMMAGINE]

Molti avranno storto il naso leggendo la formazione di Gasperini lunedì sera. Tribuna per l'imprescindibile Ilicic per un problema al ginocchio, dentro Pasalic, che ha già sostituito dignitosamentee lo sloveno nella posizione di trequartista: fiducia ripagata, Mario Pasalic chiude la partita sul 2-0 con una conclusione imparabile, complice una deviazione di Nuytinck. Appena rientra Ilicic, e non dovrebbe tardare, Pasalic tornerà in panchina, ma attenzione, che nelle ultime giornate troverà sicuramente spazio (in ottica finale di Coppa Italia), e potrà essere sicuramente decisivo. Ad oggi 4 gol e 3 assist, ed una fantamedia buona del 6,54, che sicuramente vorrà incrementare.

Per ultimo uno dei protagonisti del girone di ritorno da incorniciare del Bologna, il trequartista Roberto Soriano. Proveniente dal Torino, dove in seguito al poco spazio concessogli e dopo alcune incomprensioni con il tifo organizzato, Saputo affida ad Inzaghi prima, Mihajlovic poi, il compito di valorizzare l'investimento, recuperando un talento che aveva perso smalto ed entusiasmo. 25 presenze, 2 gol fatti, entrambi con la maglia del Bologna, e nelle ultime 7 giornate ha preso ben tre volte un 7 in pagella. Mihajlovic sa di avere tra le mani un giocatore duttile ed importante, ha costruito l'azione offensiva con punto di riferimento il trequartista italo-tedesco. Sfide non facilissime per il Bologna, il suo probabile apporto fantacalcistico però sicuramente può essere sopra la media, avendo trovato fiducia nei propri mezzi.

Approfondimento Pianeta Magazine : PIANETA STRATEGY : ANALISI POST-GARA IN CHIAVE FANTACALCISTICA | pianetafanta.it | Pianeta Sos
01/05/2019

PORTIERE FANTACALCIO SERIE A TURNOVER

Ecco alcuni consigli per la scelta del numero 1 per le ultime sei partite

Scritto da

Rush finale fantacalcio, i 4 portieri da tagliare e i 4 portieri su cui puntare

Siamo alla volata finale, il campionato di serie A ha già alcuni verdetti, mentre ancora c'è tanto da decidere. Il ruolo del portiere è fondamentale nella nostra formazione fantacalcistica, e per chi non ha scelto una "terna" di big, oppure semplicemente non è soddisfatto, proponiamo alcuni cambi doverosi.

PORTIERI DA TAGLIARE

SORRENTINO (CHIEVO): I "mussi volanti" costituiscono il primo verdetto di questa serie A, retrocedendo con 6 giornate di anticipo. Come abbiamo visto in queste ultime giornate, i veneti hanno collezionato una serie di risultati schiaccianti, come il 3-1 contro il Napoli, il 4-0 contro il Sassuolo e i due 3-0 con Bologna e Cagliari. Il tecnico sta facendo esordire tanti giovani, pensando già alla rifondazione del prossimo anno, quindi Sorrentino, portiere quarantenne che ha sempre ben figurato, sarà vittima o di gol o di turnover, meglio evitarlo.

PORTIERI NAPOLI: Ancelotti non solo attua un massiccio turnover tra i giocatori di movimento, facendo impazzire noi fantallenatori, ma ci confonde le idee anche per scegliere il portiere titolare. Meret, Ospina, Karnezis, tutti e tre hanno giocato quasi in egual modo, e nel periodo natalizio, con il rientro del giovane italiano ex Udinese, sembrava che il Napoli avesse trovato il numero 1. Il proseguimento del cammino in Europa League non ha aiutato la mentalità ancelottiana, quindi per un fantallenatore è complicatissimo scoprire il titolare di giornata. Inoltre il Napoli è secondo e senza stimoli, potrebbe concedere qualcosa nelle ultime giornate.

LAFONT (FIORENTINA): I viola, freschi di cambio allenatore, navigano in una posizione di classifica tranquilla, salvezza raggiunta e nulla da chiedere per zona Europa, troppo distante. Obiettivo rimasto, e ben prestigioso, è la coppa Italia, essendo in semifinale; in campionato al posto di Lafont quindi si vedranno probabilmente (oltre a qualche gol subito) più presenze per il secondo Terracciano, oppure non ci stupiremmo neanche se il giovane Brancolini scendesse in campo.

PORTIERI JUVENTUS: La Juve probabilmente sabato festeggerà l'ottavo tricolore di fila con ben 5 giornate d'anticipo, come si comporterà Allegri con i giocatori chiave, e soprattutto tra i pali? Perin si opererà, stagione finita per lui. Abbiamo già visto che il Mister è avvezzo a lanciare i giovani, e quest'anno più volte ha convocato portieri della Primavera: Del Favero, Siano, Loria potrebbero esordire, ma non dimentichiamoci di Pinsoglio, che sicuramente scenderà in campo. Zero motivazioni, meglio cambiare la nostra porta se si può e investire quei crediti di Szczesny e Perin altrove!

PORTIERI SU CUI PUNTARE

DRAGOWSKI (EMPOLI): Servono spiegazioni per puntare sul motivatissimo Empoli e sul man of the match Dragowski dopo lunedì sera contro l'Atalanta?  Sarà stato un miracolo, ma la squadra toscana non ci sta a retrocedere e ha molti scontri diretti da qui alla fine, è un'ottima scelta nell'immediato.

DONNARUMMA G. (MILAN): Dopo aver saltato qualche partita causa infortunio, il portiere della Nazionale è pronto a tornare a difendere i pali rossoneri. Il Milan è in corsa per la qualificazione in Champions e i prossimi scontri sono tutti abbordabili: tutto ciò unito alle indiscutibili qualità di Donnarumma, potrebbero portare molti clean sheet e voti buoni.

GOLLINI (ATALANTA): L'Atalanta, nonostante i due punti persi contro l'Empoli, è lanciatissima, e Gollini ormai è diventato il titolare della banda di Gasperini. Gli orobici fino all'ultima giornata ci proveranno a conquistare un piazzamento nell'Europa che conta, e Gollini sarà protagonista.

MIRANTE (ROMA): La Roma è rinata sotto la guida di Ranieri, più cinismo e accortezza difensiva, e uno dei protagonisti è l'ex portiere "di riserva" Mirante, che ha soffiato la maglia da titolare al goffo Olsen, per il quale ambiente e staff hanno perso inesorabilmente la pazienza. Anche i giallorossi lotteranno per un posto in Champions anno prossimo, Mirante dopo due clean sheet consecutivi vorrà regalare altre gioie ai fantallenatori che scommetteranno su di lui.

Approfondimento Pianeta Magazine : PIANETA STRATEGY : ANALISI POST-GARA IN CHIAVE FANTACALCISTICA | pianetafanta.it | Pianeta Sos
16/04/2019

TAGLI FANTACALCIO SERIE A CONSIGLI

Ecco alcuni consigli per chi ancora può fare gli ultimi ritocchi

Scritto da

Verso il rush finale fantacalcistico: i 10 giocatori da tagliare

La stagione è arrivata al punto cruciale, la maggior parte dei fantacampionati è ancora in bilico, e solo le rose a listone potranno subire ritocchi: ecco qualche dritta su quali giocatori tagliare per raccogliere crediti da investire su altri interpreti.

  1. SIMONE ZAZA: uno degli attaccanti più deludenti di questa serie A in rapporto statistiche/aspettative: 24 presenze, solamente 10 da titolare, 2 gol e 2 assist. Per un attaccante che ha militato in top team come Juventus e Valencia, oltre ad aver segnato tanto con la maglia del Sassuolo, è una stagione assolutamente deludente. Prima la difficoltà di coesistere con Belotti, poi le prove di convivenza con il Gallo infruttuose, poi l'accantonamento nonostante l'infortunio di Falque: Zaza sembra entrato in un tunnel senza fine, il Torino inoltre ha poco da chiedere a questa serie A, meglio investire quei crediti in un altro attaccante magari di provincia che lotta per la salvezza.
  2. MIRKO VALDIFIORI: vita dura per il 32enne centrocampista ex Toro, già nel girone d'andata raccolse poche presenze, ma da febbraio in poi non ha più visto il campo. Schiattarella e Missiroli nell'ultimo periodo hanno chiuso gli spazi al tecnico centrocampista di Lugo, se non lo avete già tagliato fatelo al più presto, liberando un posto utile nella rosa.
  3. LUCA ROSSETTINI: l'esperto difensore girovago 35enne baluardo del Chievo nella prima parte di stagione, uno degli ultimi a mollare e sempre presente negli undici che scendevano in campo, è 8 giornate che non scende in campo. Problemi fisici? Scelte del tecnico? Scelte di una società che già pensa al prossimo anno in cadetteria? Tutte ipotesi probabili, ma al momento non garantisce nel breve periodo nè presenze nè buoni voti in caso torni in campo.
  4. VALTER BIRSA: il trequartista sloveno era un giocatore abbastanza appetibile al mercato iniziale, il trend del Chievo Verona però ha influito e non poco sulle sue prestazioni: a gennaio la svolta, il suo ex tecnico Maran lo chiama al Cagliari e i fantallenatori gioiscono. Tre partite e Valter va subito ko per un infortunio al braccio, appena rientrato, sembra indietro nelle gerarchie del tecnico, che preferisce un modulo più accorto con Joao Pedro che gira intorno all'unico centravanti Pavoletti.
  5. FEDERICO VIVIANI: un altro mediano che ha iniziato la stagione a Ferrara come Valdifiori, raccogliendo però ben 0 presenze nel girone di andata. A gennaio la svolta, trasferimento a Frosinone per il centrocampista dai piedi buoni, che si è distinto nei precedenti anni per i suoi bonus da calcio piazzato. Peccato che anche nella città frusinate i bonus, ma soprattutto le presenze scarseggiano, appena 5 e una sola sufficienza. Ora infortunato, rimandato all'anno prossimo.
  6. FRANCESCO ZAMPANO: altro giocatore del Frosinone che accantoneremmo è il laterale Zampano, che con suoi cross e le sue giocate a Pescara aveva incantato i fantallenatori. Quest'anno, fino alla 25esima giornata la titolarità almeno la garantiva, da quel giorno "chi l'ha visto?". Il rientro di Paganini, l'exploit di Ghiglione, l'esperienza di Molinaro chiudono gli spazi ad un deludente difensore che ad oggi ha collezionato 1 solo assist e una fantamedia del 5,81.
  7. JOAO MARIOil trequartista portoghese, rispolverato da Spalletti dalla decima giornata in poi, un po' per il turnover con le coppe, un po' per demeriti altrui, aveva mostrato notevoli colpi utili al fantacalcio. 1 gol e un assist e una fantamedia del 6,19 ad oggi. Nel girone di ritorno ha sofferto il cambio modulo prima, e ora la folta concorrenza con il rientro di Nainggolan e lo spostamento talvolta di Vecino sulla trequarti. Senza Champions ed Europa League, nelle ultime 7 giornate solo 2 presenze con due anonime sufficienze, guardiamoci intorno.
  8. MARCO D'ALESSANDRO: l'Udinese di Mister Tudor ha ingranato, ha trovato un suo equilibrio e i suoi interpreti migliori. Tra questi non c'è D'Alessandro, esterno di centrocampo che con Nicola in panchina era diventato inamovibile. Dalla venticinquesima in poi 0 presenze, dovute anche ad un infortunio, ma sembra che per il 28enne romano lo spazio futuro sia molto limitato, se non a gara in corso.
  9. MATTIAS SVANBERG: sicuramente nella prima parte di stagione la titolarità unita alla considerazione di Mister Inzaghi, oltre al prezzo contenuto, non è passata inosservata. Il giovane classe 1999, era una delle prime scelte nello scacchiere felsineo, ma con l'arrivo di Mihajlovic lo svedese è tornato a seders in panchina. Il tecnico serbo ha deciso di affidarsi ai più esperti Poli, Soriano, Pulgar e Dzemaili, e i risultati gli stanno dando ragione.
  10. MUSA BARROW: la macchina di Gasperini è praticamente perfetta, i giocatori si conoscono a memoria e ognuno di loro ha il suo ruolo nella "recita" domenicale. Un giocatore che sembra avulso dagli schemi è il gambiano, anche domenica con Zapata squalificato, Gasperini ha preferito affidarsi a Gomez prima punta, lasciandogli solamente minuti nella ripresa, dove peraltro ha raccolto un 5 pieno. Meglio virare altrove, non sarà lui l'attaccante che ci svolterà il fantacalcio quest'anno.
Approfondimento Pianeta Magazine : PIANETA STRATEGY : ANALISI POST-GARA IN CHIAVE FANTACALCISTICA | pianetafanta.it | Pianeta Sos
09/04/2019

SCOMMESSE TOP FLOP FANTACALCIO

ECCO LE NOSTRE PREVISIONI PER UN FINALE DI STAGIONE CHE SI PREANNUNCIA SCOPPIETTANTE

Scritto da

Ultime 10 giornate: i giocatori su cui puntare e da evitare al fantacalcio (seconda parte)

Ecco alcuni consigli sui giocatori che finiranno l'annata in crescendo, attirando le attenzioni degli osservatori per il prossimo anno, e invece quelli che per motivi più disparati potrebbero rilassarsi e diventare inutili al nostro obiettivo fantacalcistico.

LAZIO: biancocelesti che puntano forte all'Europa, Mister Inzaghi ha bisogno di tutti, in special modo di Marusic, che contro il Parma è tornato al gol, ed è da qualche partita che sulla fascia domina incontrastato. Stagione tra luci ed ombre, fantamedia del 5,90 contro il 6,55 dell'anno scorso, è in crescita, raccoglierà altri bonus. L'allenatore sta affidandosi ai giocatori tecnici, il dinamico Parolo sembra penalizzato nelle turnazioni in mediana, se potete sacrificatelo.

MILAN: i rossoneri, nonostante la sconfitta nel derby, sono saldi in zona Champions, e le forze mentali saranno fondamentali: puntiamo su Conti, che piano piano sta tornando padrone della fascia, i suoi cross e incursioni possono essere manna dal cielo per il gol di Piatek & co. Si è visto nel derby, Paqueta è in calo sia fisico che mentale, la spensieratezza degli esordi si è trasformata in un adattamento al tatticismo del nostro campionato, e oltre tutto pare stanco, non ci convice alla lunga.

NAPOLI: partenopei che viaggiano tranquilli verso un secondo posto che pare scritto, con un occhio all'Europa League. Ci sarà spazio per Younes, Ancellotti lo sta lanciando (3 presenze e 1 gol, proprio domenica contro l'Udinese), le doti tecniche ci sono, chissà che non possa essere la rivelazione di fine campionato. Se prima abbiamo consigliato Conti, questa volta sconsigliamo di tenere in rosa Ghoulam: sta giocando con la paura, fisicamente non è al top, manca in sicurezza, soffre il turnover ancellottiano e le prestazioni ne risentono.

PARMA: la squadra emiliana eccelle in agonismo e ripartenze, armi che hanno portato i gialloblu in una situazione abbastanza tranquilla di classifica. Sembra scontato, ma se dovessimo scegliere un attaccante provinciale su cui puntare sceglieremmo Inglese, che con i suoi gol trascinerà il Parma ad una salvezza tranquilla. Nonostante la costante considerazione del Mister, Biabiany quest'anno non ha convinto, e la sua fantamedia del 5,58 priva di bonus ci fa stare alla larga dal francese ex Inter.

ROMA: ribaltone in casa Roma con l'avvicendamento in panchina di Ranieri in luogo di Di Francesco, e nonostante la sconfitta di Ferrara, si prospetta un finale di campionato avvincente. Dopo la sosta torneranno vari titolari, ma l'uomo della rinascita dovrebbe rispondere al nome di Schick, sul quale il Mister ex Leicester vuole puntare, schierandolo in tandem con Dzeko. Flessione enorme per Cristante, che ultimamente sembra un pesce fuor d'acqua, estraneo ai (pochi) meccanismi della squadra, il rientro di Pellegrini dovrebbe relegarlo a seconda scelta.

SAMPDORIA: i blucerchiati di Genova stanno volando sulle ali di un "anzianotto" come Quagliarella, ma da qui in avanti siamo sicuri che il figliol prodigo Gabbiadini, rientrato dall'avventura inglese giocherà tanto e segnerà ancora molto. Netto calo di rendimento invece per Bereszynski, ad oggi altalenante e con il finale di stagione rilassante potrebbe essere commettere disattenzioni.

SASSUOLO: la giostra di De Zerbi da spettacolo ma spesso non i risultati, i gol subiti sono una costante, vedere la goleada di sabato contro la Samp. Un giocatore su cui puntare in questo finale è il giovane Boga, sempre più leader e punto fermo della formazione neroverde. Ferrari G. è tornato titolare, ma a quel prezzo di acquisto si possono trovare altri difensori con più fanta-appeal, fidatevi di noi. 

SPAL: si è svalutato, è stato un mese ai box per un infortunio muscolare, ma la sua corsa e i suoi assist faranno comodo sia alla squadra ferrarese che a noi fantallenatori. Il motorino di Lazzari continuerà a macinare kilometri e ci auguriamo tanti bonus. Se non l'avete ancora fatto, liberatevi di Paloschi, l'ex ragazzo prodigio che ha girovagato l'Italia, e ancora non ha trovato il suo ambiente ideale. Ad oggi nelle gerarchie, oltre all'inamovibile Petagna, sembra dietro ad Antenucci e Floccari.

TORINO: i granata di Walter Mazzarri hanno subito un stop importante per mano del Bologna, facendo cadere le piccole speranze di "grande Europa". Nonostante ciò il Toro vuole assolutamente concludere in bellezza, se dovessimo puntare su un giocatore sceglieremmo il meno scontato, il jolly Berenguer, che da subetrante principalmente, ma anche da titolare, troverà bonus inaspettati e prestazioni convincenti. Tre giornate di squalifica e qualche amnesia di troppo ultimamente: Ola Aina sarà un giocatore non utile al finale di stagione per i granata e per il nostro fantacalcio. 

UDINESE: concludiamo con una squadra che ha molto deluso in questa stagione, che ha pagato la rivoluzione estiva che ha smembrato la squadra. Oltre a ciò nuovo ribaltone in panchina, via Nicola e dentro Tudor. E' ora di puntare forte su Lasagna, due gol in due difficilissime partite contro Napoli e Juventus, e ora arrivano gli impegni più semplici. Vistosa insicurezza difensiva di De Maio, meglio virare su scelte difensive migliori.

 

Approfondimento Pianeta Magazine : PIANETA STRATEGY : ANALISI POST-GARA IN CHIAVE FANTACALCISTICA | pianetafanta.it | Pianeta Sos
20/03/2019

SCOMMESSE TOP FLOP FANTACALCIO

Ecco le nostre previsioni per un finale di stagione che si preannuncia scoppiettante

Scritto da

Ultime 10 giornate: i giocatori su cui puntare e da evitare al fantacalcio (prima parte)

Ecco alcuni consigli sui giocatori che finiranno l'annata in crescendo, attirando le attenzioni degli osservatori per il prossimo anno, e invece quelli che per motivi più disparati potrebbero rilassarsi e diventare inutili al nostro obiettivo fantacalcistico.

ATALANTA: la banda di Gasperini lotta per un posto in Europa, e per raggiungerlo servirà l'apporto e l'entusiasmo di Mancini, giovane difensore centrale dal futuro roseo, che dopo una partenza a razzo (5 gol e un assist, tutti realizzati fino alla 20esima giornata) è "tornato sulla terra". Siamo sicuri che il difensore classe 1996 si imporrà con prestazioni e bonus. Stesso ruolo ma in fase calante nonostante Gasperini gli dia fiducia, è Djimsiti, difensore svizzero ex Benevento che sta trovando una discreta continuità. Fantamedia del 5,97, Palomino e il rientrante Toloi scalpitano, potrebbero scalzarlo e fargli perdere la titolarità.

BOLOGNA: zona salvezza sempre più vicina, Mihajlovic ha dato la scossa giusta ai felsinei. Nome su cui puntare? Pulgar, mediano dai piedi buoni che ha deluso fino ad ora, ma è tiratore di calci da fermo. Punizioni, rigori, angoli: avere Sinisa come maestro non può che essere d'aiuto. Evitiamo Svanberg: se con Inzaghi il giovane classe 1999 godeva di stima e le occasioni concesse sono state tante, ora con Mihajlovic solo una volta è andato a voto da subentrante contro la Roma: per la salvezza serve esperienza, lo spazio per lo svedese sarà sempre meno.

CAGLIARI: posizione più tranquilla per il Cagliari, che però per chiudere prima possibile il discorso salvezza necessita dei colpi di classe di Birsa, fedelissimo di Maran fuori per una frattura al braccio, ora con la sosta ha tempo di ricaricare le batterie e affinare le sue doti balistiche per bonus importanti. In gol con la Fiorentina e contro l'Inter propiziò l'autogol di Perisic: Ceppitelli sembra aver acquistato fanta-appeal, ma non lasciamoci ingannare, gli interventi duri e i cartellini caratterizzeranno queste ultime giornate.

CHIEVO VERONA: situazione disperata per i gialloblu, con più di un piede in cadetteria. Non possiamo che puntare su un giovane che vuole mettersi in mostra, parliamo del metodista Diousse, alla terza da titolare di fila, contro l'Atalanta ha raccolto un ottimo voto. Un buon tappabuchi, ma non aspettatevi un centrocampista da +3. Chi sacrificare invece? Ci sarebbero tanti giocatori da citare, ma sceglieremmo Djordjevic, attaccante poco incisivo e con tanti problemi di condizione atletica, che sicuramente nelle ultime giornate sparirà dai radar.

EMPOLI: altra concorrente nella bagarre salvezza, Andreazzoli torna al timone, e il suo pupillo darà il meglio (l'altro era Zajc venduto a gennaio), stiamo parlando di Krunic. Il centrocampista dinamico e tecnico sarà un' arma importantissima per raggiungere la salvezza il prima possibile, ha il bonus nelle corde (4 gol e 4 assist ad oggi). Il gioco del Mister potrebbe penalizzare il muscolare Acquah, panchinato dal giovane Traorè con discreti risultati, potrebbe scivolare indietro nelle gerarchie dell'allenatore.

FIORENTINA: i viola sono eternamente in un limbo, nel "vorrei ma non posso". L'Europa lontana, la salvezza praticamente già raggiunta, largo allora al Cholito Simeone, ultimamente subentrante, con voglia di rivalsa e di "avere mercato" l'anno prossimo. Pioli potrà dare lui più spazio, sicuramente segnerà ancora da qui in avanti. Chi sicuramente ha subito un'involuzione è Benassi, che dopo aver segnato ben 7 gol, sembra ultimamente in flessione negativa. A quel prezzo, puntiamo su altri giocatori.

FROSINONE: torniamo nei bassifondi, e troviamo i ciociari, affossati nell'ultima giornata da un Empoli che in casa sbaglia raramente. Sicuramente la squadra di Baroni tenterà fino all'ultimo un'impresa storica, e per fare ciò non possiamo che puntare su Ciano, simbolo e uomo bonus della squadra, che dopo una partita anonima con l'Empoli, cercherà di riscattarsi a suon di bonus. Chi ha puntato su Goldaniga, ex Palermo che conosceva bene la serie A, è rimasto scottato, e non può far altro che, se può, di privarsene: fantamedia del 5,72 da dimenticare, si abbasserà ulteriormente a suon di cartellini le prossime giornate.

GENOA: entusiasmo nell'ambiente rossoblu dopo la vittoria sulla capolista, la squadra di Prandelli vuole salvarsi prima possibile. E' nato nel frattempo un gioiello, che risponde al nome di Romero: interventi al limite della correttezza, qualche cartellino di troppo (7 ammonizioni e 1 espulsione), ma nulla da dire sull'efficacia. Dalla 20esima giornata mai più un'insufficienza per il nostro difensore centrale, anzi il 7 (6,5 con l'ammonizione) contro la Juve è la ciliegina sulla torta. Al contrario Biraschi sembra aver perso la titolarità in favore del giovane Pereira, e anche prima di questo momento, i voti non erano dei migliori: meglio venderlo se possibile.

INTER: i nerazzurri, dopo aver vinto il derby della Madonnina, possono salvare la stagione mantenendo il terzo posto. Nome caldo, in crescita nelle ultime partite, è Politano: il folletto domenica sera ha sfornato una prestazione fuori dal comune, con una intraprendenza ben augurante, confidiamo in lui per questo finale di stagione. Il nome da tagliare, se non lo avete ancora fatto, è quasi scontato: Mauro Icardi. Torna o non torna? Siamo sicuri che, se anche dovesse tornare, la rottura del  meccanismo tra lui e la squadra sia irrecuperabile.

JUVENTUS: la corazzata torinese, forte di un vantaggio quasi irrecuperabile da Napoli & co., si concentrerà sulla Champions League, vera ossessione. Su chi puntare ora? Contro l'Atletico, abbiamo ammirato sulla sinistra un intraprendente Spinazzola, che giocherà maggiormente in campionato con il ritorno di Alex Sandro, che ipoteticamente verrà preservato per la Champions. Nome a sorpresa da sacrificare in fantacalcio a listone? Tenetevi forte: Cristiano Ronaldo. Non abbiamo fino ad ora quasi mai messo in dubbio il campione portoghese, ma i 56 crediti che ad oggi vale potrebbero essere reinvestiti per due top player offensivi sicuramente titolari e in cerca di gol. CR7 ad oggi, considerando la priorità della dirigenza, è l'uomo per la Champions, e già come visto contro l'Udinese e il Genoa, potrà essere sempre più centellinato. A fine stagione tireremo le somme, chi ha il coraggio di ascoltare il nostro consiglio?

 

Approfondimento Pianeta Magazine : PIANETA STRATEGY : ANALISI POST-GARA IN CHIAVE FANTACALCISTICA | pianetafanta.it | Pianeta Sos
19/03/2019

OUNAS A. GABBIADINI M. SIMEONE G. KEITA B.

Quali sono i giocatori che, nonostante subentrino nella ripresa, possono essere utili alla causa?

Scritto da

Da Ounas a Gabbiadini, alla scoperta dei panchinari di lusso per la volata finale

Ci si avvia verso settimane di fuoco, dove le sorti di tanti fantacampionati possono essere decise da dettagli importanti, talvolta da scelte coraggiose meno scontate che spiazzano gli avversari, che regalano i frutti sperati. Chi non risica non rosica, quindi analizziamo quali giocatori possono fare al caso nostro, rovistando tra i cosiddetti "panchinari di lusso", ossia coloro che la maggior parte delle volte cominciano la gara seduti in panchina, ma entrando nella ripresa spesso incidono, e puntano ad entrare a far parte degli undici iniziali.

Partiamo dal nostro titolo, e analizziamo Gabbiadini, che è il simbolo del nostro articolo di "Strategy&Stas" odierno: il nostro Manolo, rientrato in Italia dopo l'avventura inglese, sapevamo potesse inizialmente sedere in panchina, per un graduale inserimento negli schemi doriani. Per adesso 6 presenze, solo 1 da titolare e 2 gol, uno contro l'Inter e uno contro l'Udinese. La nostra sensazione è che prima o poi possa passare in pianta stabile negli undici di Mister Giampaolo, e inspiegabilmente ci chiediamo come il calante Defrel possa ancora essere in vantaggio nel ballottaggio: consigliamo quindi di puntarci, anche considerando il fatto che possa essere decisivo anche solo subentrando.

Poco spazio fino ad ora per Adam Ounas, attaccante franco-algerino classe 1996 del Napoli, che dopo aver trovato briciole di spazio lo scorso anno, quest'anno sta trovando maggiore fiducia, come lui stesso ha dichiarato, favorito dal turnover ancellottiano. Ad oggi 12 presenze, 4 da titolare e ben 3 gol, tanto per intenderci stesse reti di Lasagna che ne ha giocate più di 20! Sfruttato soprattutto contro le squadre più abbordabili (titolare contro Frosinone, Chievo, Cagliari e Sassuolo), è un arma imprevedibile che può fare felici i fantallenatori che se lo sono accaparrati o lo faranno a prezzo di saldo.

Riserva di lusso nelle ultime partite, lo è diventato pure Simeone: l'ultima partita contro l'Inter è stato schierato titolare (segnando un quasi gol, diventato presto autogol di De Vrij), ma Pioli ha sorpreso tutti nelle due precedenti. Nonostante l'assenza di Mirallas, unico concorrente per il posto di punta, il Mister ha schierato Gerson nel tridente, cosa che ha fatto anche domenica sera, panchinando a sorpresa Muriel, che ha segnato su punizione poco dopo il suo ingresso nella ripresa. Che Simeone non abbia il posto fisso è certo, ma siamo sicuri che da qui alla fine possa essere decisivo, sia subentrando che partendo dall'inizio.

[IMMAGINE]

Attenzione ad una vecchia volpe d'area di rigore, che nonostante abbia raggiunto i 34 anni, è tutt'altro che finito: stiamo parlando di Alessandro Matri. Uno degli uomini più invidiati d'Italia, per motivi extracalcistici, è ancora abile a sfruttare i palloni che vengono serviti in area, e De Zerbi sembra aver promosso l'attaccante italiano, a discapito di Babacar e del giovane Boga. 14 presenze, 3 da titolare e 2 gol entrambi da subentrato tra l'altro. Nello scialbo pareggio contro la Spal, Matri ha disputato una partita anonima: non sappiamo se Mister De Zerbi continuerà ad inserirlo negli undici, ma fidatevi, i gol da qui a fine anno potrebbero arrivare comunque, nelle partite facili lo inseriremmo come scommessa.

Penuria di attaccanti nell'Inter d.I. (dopo Icardi): il futuro di Maurito è nebuloso, Martinez non sembra possa garantire il lavoro e i gol dell'ex capitano, chissà che i prossimi non possano essere i mesi di Keita Balde? Il classe 1995 rientrerà presto dall'infortunio che dalla 19esima giornata lo sta tenendo fuori, conosce bene il nostro campionato e sa fare gol, e senza Icardi paradossalmente ha più libertà dalla trequarti in poi. Noi ci puntiamo forte, segnatevelo.

Come più volte ricordato, tra i centrocampisti c'è un nome che fa storcere il naso a molti, ossia quello di Federico Bernardeschi: purtroppo fantacalcisticamente questo giocatore perde molto. Chiuso da un parco attaccanti folto, il ragazzo in questo finale di stagione si ritaglierà più spazio, sicuramente nelle prossime due settimane, dove qualcuno riposerà in vista del ritorno con l'Atletico Madrid, già domenica è stato schierato titolare. Le sue doti tecniche aiuteranno la Juve al raggiungimento degli obbiettivi, e noi fantallenatori in questo rush finale.

Citazione finale per Mario Pasalic, centrocampista dell'Atalanta che negli undici ideali di Gasperini non trova spazio, ma la sua duttilità può ovviare a tante ipotetiche assenze, rivelandosi il primo "rimpiazzo" dal centrocampo in su. Come sabato che ha sostituito De Roon squalificato in mediana, ha più volte invece sostituito il discontinuo Ilicic e il non più giovane Papu Gomez, e i numeri sono niente male. 21 presenze, solo 12 da titolare, 1 gol e 3 assist , mai insufficiente dalla 19esima in poi. Noi una chance al croato gliela daremmo...

 

Approfondimento Pianeta Magazine : PIANETA STRATEGY : ANALISI POST-GARA IN CHIAVE FANTACALCISTICA | pianetafanta.it | Pianeta Sos
26/02/2019

INTER ICARDI M. TONELLI L. ROMA FANTACALCIO CASI

Tante situazioni intricate in quest'annata per i fantallenatori, analizziamo i rischi singolarmente

Scritto da

Dal teatrino Icardi al nodo Tonelli, passando per i malumori di Kluivert e le panchine di Iago, quanti casi d

Il fantallenatore in questa annata ha faticato a trovare certezze: dal turnover del neo mister del Napoli Carlo Ancelotti, alla folta concorrenza nella rosa milionaria della Juventus, passando per i vari infortunati e l'involuzione dei top player. Tra i giocatori strapagati ad agosto, pochi hanno realmente convinto e molti hanno deluso. Solamente Cristiano Ronaldo, il più atteso, ma anche il più enigmatico inizialmente, in quanto si pensava potesse fare molto più turnover, e potesse non valere l'ingente investimento, ha rispettato le attese, e guida la classifica marcatori con 19 reti. Vediamo però oggi quei giocatori che sono stati vittima di diatribe contrattuali, incompatibilità tattiche, prese di posizione e dichiarazioni destabilizzanti, e a causa di ciò sono stati messi ai margini della squadra.

Ormai è su tutte le prime pagine, il caso Icardi, del quale abbiamo accennato nell'articolo di qualche giorno fa, è diventato una delle telenovele più discusse su web e social. Pietra dello scandalo la moglie-manager Wanda Nara, che dopo aver usato parole forti contro la società per conto del suo assistito, a causa del mancato rinnovo del contratto con il conseguente aumento dell'ingaggio, è stata vittima di insulti e critiche. Il lancio del sasso contro la macchina della donna, il pianto di quest'ultima in TV, il ricatto che senza fascia non tornerà in campo, l'emblematico e poco credibile infortunio: la situazione sta degenerando, ed è un problema per tutti se non venisse risolta. Il rapporto ormai è incrinato e probabilmente a giugno il centravanti argentino indosserà una maglia diversa, ma fino ad allora cosa succederà? La società e Icardi sono ad un bivio: riconciliarsi, almeno fino all'estate per non destabilizzare l'ambiente, o continuare ognuno nella propria posizione, e al momento la fase di stallo sembra perdurare. Per i fantallenatori vittime di questo teatrino, il consiglio è per chi può di svincolarlo per potere reinvestire il gruzzoletto, oppure accompagnarlo con l'acquisto di Lautaro Martinez, così da avere almeno una punta nerazzurra. 

Sembra rientrato invece il caso Perisic: dopo una prima parte di stagione deludente e sotto i suoi standard, verso fine gennaio sono fuoriuscite le voci della sua richiesta di essere ceduto, e fino al 31 gennaio tutti gli interisti e i fantallenatori sono rimasti col fiato sospeso. Nulla di fatto, per l'impossibilità di trovare un sostituto e le offerte dall'estero non congrue alle aspettative, quindi il croato è rimasto a Milano. Perisic ora sembra essersi rimesso sui binari, e dopo una sufficienza piena contro il Parma, un 7,5 (7 + assist - ammonizione) contro la Sampdoria domenica scorsa che inizia a far sorridere i fantallenatori. Otto giornate fa l'ultimo gol, ma siamo convinti che il croato possa tornare a segnare molto presto. Inter grande protagonista di situazioni spinose: risolta però anche quella del Ninja Nainggolan, che prima di Natale finì fuori rosa per una giornata, a causa di una condotta non consona durante la settimana: richiamo che è stato utile per ritrovare grinta e voglia di dimostrare, ne abbiamo parlato proprio ieri in questo articolo. Consigliato anche lui, bonus in arrivo.

[IMMAGINE]

Il curioso cavillo contrattuale di Tonelli è oggetto di discussione: a 20 presenze con la maglia della Sampdoria, Ferrero sarebbe costretto a riscattare il cartellino obbligatoriamente dal Napoli. Dopo le valutazioni del caso, il giocatore ex Empoli sembra non rientri nei piani futuri blucerchiati, quindi ad oggi, dopo aver provato a rivenderlo a gennaio senza fortuna, nonostante una buona media fantacalcistica e un'esperienza invidiabile tra i difensori del campionato, Mister Giampaolo è condizionato nelle scelte. Con Andersen mai messo in discussione e destinato a fare lo stesso percorso di Skriniar, e un Colley che sta acquisendo sempre più sicurezza, Tonelli potrebbe essere una prima scelta in panchina. L'ultima giornata ha giocato, complice un affaticamento di Colley, raggiungendo quindi quota 14 presenze e ha raccolto una difficile sufficienza nella sconfitta contro l'Inter. In sostanza consigliamo di tenerlo in rosa solamente accompagnato da uno dei due centrali blucerchiati, da solo potrebbe essere molto rischioso e potreste molto probabilmente ritrovarvi con un panchinaro in questo finale di campionato.

Tra le fantascommesse di gennaio troviamo Lucas Piazon, per il quale molti fantallenatori hanno speso crediti (e non pochi se pagato dal listone, ben 11!). Il fantasista ex Chelsea, famoso per la sua discontinuità, dopo aver raccolto una presenza a febbraio, domenica contro l'Udinese è già finito in tribuna clamorosamente; al momento Mister Di Carlo, non ha dato spiegazioni. Rischio flop imminente, non fidatevi fantacalcisticamente del brasiliano.

Un giocatore che sta deludendo, se così si può dire a 19 anni, è Justin Kluivert, figlio d'arte del famoso padre parte della storia calcistica olandese. Proprio le dichiarazioni di quest'ultimo non hanno proprio fatto piacere all'ambiente giallorosso: il trasferimento in Italia sponda Roma fu scelto dal figlio e sconsigliato dal padre, che preferiva qualche mese in più di crescita nel paese natale e un allenatore diverso da Di Francesco. Ad oggi per lui 19 presenze (solo otto da titolare), complice una discontinuità data dalla voglia di strafare e dall'ambientamento difficoltoso ad un calcio diverso. Le statistiche non sono entusiasmanti, un solo gol all'attivo, e le ultime prestazioni, dove non ha raccolto neanche una sufficienza, sono preoccupanti: le dichiarazioni del padre, unite al ritorno di infortunati come Under, Schick e Perotti, possono minare lo spazio a disposizione dell'olandese, che a fine anno probabilmente andrà in prestito per acquisire esperienza.

Per ultimo vogliamo accendere un campanello d'allarme per la situazione di Iago Falque: Mazzarri ultimamente sta cercando varianti tattiche e sta ruotando il compagno di reparto di Belotti. Titolare due giornate fa contro l'Udinese, complice anche la squalifica di Zaza, non ha inciso, e domenica scorsa si è riseduto in panchina (addirittura in luogo di Berenguer) come le giornate precedenti. Zaza e Berenguer sono due giocatori che difficilmente siederanno sempre in panchina, la continuità delle prestazioni di Iago Falque è seriamente in pericolo, consigliamo di accompagnarlo con almeno Zaza in una fanta-rosa.

 

Approfondimento Pianeta Magazine : PIANETA STRATEGY : ANALISI POST-GARA IN CHIAVE FANTACALCISTICA | pianetafanta.it | Pianeta Sos
19/02/2019

pianeta news
16  Giugno 2019
3  Giugno 2019
2  Giugno 2019
28  Maggio 2019
25  Maggio 2019
24  Maggio 2019
23  Maggio 2019
22  Maggio 2019
16  Giugno 2019
14  Giugno 2019
11  Giugno 2019
9  Giugno 2019
6  Giugno 2019
4  Giugno 2019
3  Giugno 2019
2  Giugno 2019
31  Maggio 2019
diario match
SERIE A PREMATCH - 38^ GIORNATA

Analizza il Bioritmo dei Giocatori
© 2003 - 2019 PianetaFanta.it - Tutti i diritti riservati