Il Maestro non ci è riuscito, arriva il Sergente Stankovic per suonare la sveglia alla Samp

La strada ormai è tracciata: nel pomeriggio dirigerà il primo allenamento alla Sampdoria il nuovo tecnico Dejan Stankovic, che succede al "Maestro" Giampaolo.

Il 44enne serbo proverà a tirare fuori i blucerchiati dalle sabbie mobili della zona retrocessione, puntando su una svolta caratteriale ma anche attuando una possibile rivoluzione tattica. Dal 2019 allenatore della Stella Rossa fino a pochi mesi fa, Stankovic ha prediletto il modulo 4-2-3-1 per il suo gruppo.



TATTICA E BALLOTTAGGI POSSIBILI IN ROSA

Vediamo come potrebbe schierarsi la Samp e quali interpreti potrebbero beneficiarne dal cambio allenatore in panchina. Audero chiaramente confermato in porta, e anche la difesa dovrebbe rimanere intatta, non avendo tantissime alternative, con il solito ballottaggio Murillo-Ferrari per affiancare Colley.

Dalla mediana in su i possibili cambi di scenario: nella coppia di mediani potrebbe rivitalizzarsi Villar, sottotono in queste prime 8 giornate, e al suo fianco potrebbe essere lanciato Winks, ancora oggetto misterioso in attesa di un discreta condizione atletica, nell'attesa il General Rincon a farne le veci, con Vieira più indietro nelle gerarchie.

 

Lukaku e Zapata, un inizio amaro al fantacalcio per i fantallenatori

 

I NUOVI SCENARI AL FANTACALCIO

Chi potrebbe trovare giovamento dal nuovo modulo (in tanti fantallenatori ci sperano) è Sabiri, autore di un solo gol, di difficile collocazione negli schemi di Giampaolo: dovrebbe essere il trequartista designato, e quindi più vicino alla porta. Djuricic potrebbe sia diventare un rincalzo o adattarsi lateralmente, dove troverà la concorrenza di Leris, Pussetto e Gabbiadini, questi ultimi due ormai pienamente ristabiliti.

In avanti pochi dubbi sul titolare, Ciccio Caputo proverà a tornare regolarmente al gol, con il veterano Quagliarella pronto a sfruttare le occasioni concesse nella ripresa.

Attenzione a qualche sorpresa tra i giovani, Mister Stankovic ha sempre avuto un buon feeling con le nuove leve, stimolando la loro crescita.