Da Malinovskyi a Luis Alberto, quando i "precari" rispondono sul campo

Situazioni anomale succedono in ogni finestra di calciomercato, ma quella che ha riguardato LUIS ALBERTO e MALINOVSKYI R. ha del clamoroso.

Voti fantacalcio anticipi 4.a giornata Serie A: Milan spento, Maignan lo salva, Dybala e Barella top

Partiamo dallo spagnolo della Lazio. Già dall'anno scorso, sotto la gestione Sarri, non erano tutte rose e fiori, con il tecnico che lanciava speeso e volentieri frecciatine sul suo conto, non ritenendolo fisicamente adatto al proprio stile di gioco, caratterizzato dall'alta intensità. Spesso relegato in panchina e di conseguenza pochi bonus che lo hanno contraddistinto gli anni precedenti sotto la gestione di Inzaghi S. Ed ecco che i rumors di mercato cominciano a rimbalzare di qua e di là, e nell'ultimo periodo insistenti sono le voci che lo danno vicino al Siviglia, squadra che lo ha lanciato nel grande calcio. per una serie di fattori, però, il trasferimento non si concretizza e così il numero dieci resta alla Lazio, tra le nubi grigie del futuro. Pronti via e Sarri lo fa sedere in panca per le prime tre giornate, riservandogli solo minuti finali, in cui lo spagnolo non incide. Qualcosa però succede nell'utlima contro l'Inter. Ancora panchina. Lo spagnolo entra bene, anzi benissimo, cambiando volto alla sua squadra e gli basta un azione buona per spiegare il motivo per cui lo chiamano "IL MAGO": esterno destro da fuori area che s'insacca sotto l'incrocio dei pali riportando il punteggio in parità e dando poi il via alla vittoria finale per 3-1. Da questo momento in poi, crediamo che Il mister toscano difficilmente lo farà sedere anocra in panca dall'inizio... .

Da Malinovskyi a Luis Alberto, quando i "precari" rispondono sul campo

La situazione dell'ucraino dell'Atalanta, è ben diversa da quello del laziale. Da punto fermo dello scacchiere di Gasperini, all'improvviso come un fulmine a ciel sereno, si rincorrono le voci di una sua probabile cessione, avallate da post enigmatici su instagrma della moglie prima, e dalle parole del tecnico della Dea, che dice a chiare lettere che la squadra ha bisogno di più di un calciatore che faccia 6 gol. Nemmeno il tempo di pensare che Malinovskyi, viene schierato da titolare in attacco nella partita che segue il chicchiericcio e l'ucraino risponde presente segnando un gol. Una stella che brilla in una confusione totale. La partita successiva di nuovo titolare, ma stavolta resta a secco e viene sostituito. Nulla di eclatante e così le voci del traferimento si spengono anzi si addormentano perchè il ercato è ancora aperto e non si sa cosa succedetà nei prossimi giorni... .

 

Alle aste pre-campionato hanno avuto diversa valutazione. Malinovskyi trattato come un semi-top e quindi pagato abbastanza; Luis Alberto invece, strano a dirlo, è stato valutato come quasi una scommessa e quindi andato via ad un costo modesto per le sue qualità. Chi li ha presi ha fatto sicuramente bene, perchè se dovessero restare, e così sembra, sarà ripagato di sicuro in futuro dai bonus che sono nelle corde di tutti e due. I due "precari" ,ora, sono pronti a togliersi qualche sassolino dalle scarpette.