Voti fantacalcio Serie A 35.a giornata: Bonucci, che auguri, Leao king, triplo Gallo, Perisic onfire

Una doppietta di Bonucci, nel giorno del suo compleanno, regala il 2-1 alla Juve e la manda a quota 69 punti in campionato, ormai a un passo dalla qualificazione Champions. Buon Venezia che gioca bene e trova il momentaneo pari nella ripresa con un bolide di Aramu. La squadra del nuovo allenatore Soncin resta ultima a 22 punti, è la nona sconfitta di fila.

 

Dopo un primo tempo di marca ospite, il Milan chiude all'angolo la Fiorentina in avvio di ripresa sprecando però diverse chances per passare in vantaggio. Maignan salva i suoi su un colpo di testa di Cabral poco prima del regalo di Terracciano che decide la partita. Il portiere ospite rinvia direttamente sui piedi di Leao, il portoghese entra in area e lo fa secco  firmando l'1-0 col destro sul primo palo che fa impazzire il Meazza e manda il Milan sempre più vicino al sogno tricolore.

 

yes Scopri i voti del turno domenicale della 35.a giornata di Serie A 

 

L'Empoli si arrende (1-3) in nove al Torino, succede tutto nella ripresa con tanti episodi valutati dal VAR: Zurkowski sigla il vantaggio su errore di Berisha poi Verre si fa espellere per un brutto intervento, Belotti entra dalla panchina e decide la gara con una tripletta (due dei quali su rigori concessi da Cosso per falli di mano di Stojanovic, espulso anche lui)..

 

L'Inter si riscatta dopo il ko di Bologna piegando l'Udinese (1-2)  grazie ai gol di Perisic e Lautaro Martinez (errore dal dischetto e gol sulla ribattuta) nella prima frazione di gioco; inutile per i friulani la rete di Pussetto nella ripresa. Infortuni per Success e Barella. In classifica, i nerazzurri tengono il passo del Milan, salendo a 75 punti, a -2 dalla testa. 

 

Dopo l’Inter, iIl Bologna ferma anche la Roma. Finisce 0-0 all’Olimpico il posticipo della 35.a giornata di Serie A. I giallorossi cercano il vantaggio con Zaniolo e Carles Perez, una super parata di Skorupski nega il gol a Kumbulla. Nel finale prima Pellegrini da fuori sfiora il copaccio e Rui Patricio sventa su De Silvestri.  La Roma raggiunge la Lazio al quinto posto in classifica a 59 punti.