Voti anticipi fantacalcio Serie A 33.a giornata: sprinter Zappacosta, Simy record senza gioia, Hernani timbra ancora, Berardi show

ll Genoa batte 2-0 lo Spezia nel derby tra liguri e fa un passo decisivo verso la salvezza. I padroni di casa affondano fin dalle prime battute e Terzi è costretto a stendere Pandev dopo pochi secondi. I rossoblù passano al 28' con Pandev, che riprende una respinta di Provedel su cross di Zappacosta, ma il VAR cancella la rete per un fallo di Destro sul portiere spezzino. Pandev perde la testa e su un'azione successiva sgomita Erlic, guadagnandosi il giallo. Più tardi il cartellino tocca a Nzola. Nella ripresa attorno all'ora di gioco i primi cambi: Scamacca per Pandev, Estevez per Maggiore. E subito Scamacca approfitta di una respinta difettosa di Provedel sul tiro cross di uno scatenato Zappacosta. Il raddoppio arriva all'86' con Shomurodov che sul lancio improvviso di Strootman apre il piattone e chiude i giochi salvando di fatto il Grifone.

 

La partita tra Parma e Crotone si sblocca presto, ed è il colpo di testa di Magallan a indirizzarla con un colpo di testa sugli sviluppi di corner. Prima rete ‘del difensore argentino, che però viene vanificata dal pareggio quasi immediato dei ducali firmato Hernani, bravo a svettare più in alto di Djidji. Tutto da rifare ma Crotone che si riporta avanti con Simy, bravo ad appoggiare in rete un ‘cioccolatino’ servito da Ounas, protagonista di uno strappo prodigioso con assist al bacio per il nigeriano. Lo stesso franco-algerino firma in proprio il tris con una conclusione dalla distanza che manda le squadre negli spogliatoio col doppio vantaggio.

 

yesScopri qui i voti degli anticipi del sabato!

 

Nella ripresa il solito Crotone si addormenta e permette al Parma di rientrare clamorosamente in partita con due reti (Gervinho e Mihaila) nello spazio di cinque minuti. Un colpo che rischia di abbattere l’entusiasmo e la volontà dei rossoblù, però bravi a rialzare la testa e riportarsi avanti grazie allo scatto di Reca che penetra in area e viene steso sulla riga dell’area. Rapuano indica il dischetto e dagli undici metri si presenta il solito infallibile Simy che realizza la sua doppietta e riporta avanti i rossoblù. Il Crotone però stavolta custodisce con attenzione il vantaggio e interrompe l’incredibile serie negativa e vince la sua prima partita esterna del torneo. Domani potrebbe arrivare l’aritmetica retrocessione, ma la vittoria di Parma dimostra che la squadra è con la testa dentro il campionato.

 

La Sampdoria si arrende al Sassuolo: Finisce 1-0 con gol del solito Berardi, sempre implacabile col Doria. D'altra parte i blucerchiati, raggiunta in larghissimo anticipo la salvezza, non hanno più nulla da chiedere al campionato. Resta il rimpianto per un palo colpito da Jankto nei primi minuti e un sospetto fallo di mano in area di Ferrari nel finale. I blucerchiati hanno giocato una buona partita, ma i neroverdi di De Zerbi hanno avuto più occasioni, a partire da un tiro di Berardi in apertura neutralizzato da Audero. Traoré segna ma in fuorigioco, si va al riposo sul pari. A spezzare l'equilibrio al 65' è Berardi, con una rovesciata da distanza ravvicinatissima, sfruttando una carambola del pallone. Sul finale però la Sampdoria reclama un rigore: assist di Keita per La Gumina che calcia di prima con il destro, respinge Ferrari che secondo l'attaccante doriano ha usato il braccio. Le proteste dell'attaccante non servono a nulla. Finisce così.