L'eredità di Lyanco e precampionato con più ombre che luci, ecco Denswil del Bologna

Dopo la salvezza insperata in inverno, e conquistata a suon di prestazioni orchestrate da Mister Mihajlovic, il presidente del Bologna Saputo ha voluto rinforzare la rosa per la prossima stagione. Rientrato a Torino Lyanco, pupillo di Sinisa e perno della difesa felsinea nella seconda parte di stagione, già a fine giugno il Bologna per sostituirlo acquistò per circa 7 milioni di euro dal Club Brugge belga il difensore centrale olandese Stefano Denswil.

Andiamo a conoscerlo meglio: proveniente dall'accademia dell'Ajax, squadra dove cresce giocando in tutte le categorie giovanili, il difensore classe 1993 esordisce prima nello Jong Ajax e poi nella prima squadra dei lancieri. In due anni circa in prima squadra raccoglie tra tutte le campionato, Coppa Nazionale, Champions ed Europa League 39 presenze, mettendo a segno anche 3 gol.

Poi il passaggio in Belgio al Club Brugge, squadra anch'essa abituata a palcoscenici europei. Qui, al secondo anno, diventa perno fondamentale, un titolarissimo, raccogliendo 175 presenze e 10 gol tra tutte le competizioni. Nel suo palmares quindi due campionati olandesi, due campionati belgi e 5 coppe Nazionali in due campionati.

Il precampionato non è iniziato nel migliore dei modi, con errori grossolani contro Neustfit e Schalke, che preoccupano e non poco l'ambiente. E' ancora presto, è calcio d'estate e sicuramente la fatica della preparazione si sente, però l'eredità di Lyanco pare stia pesando sul centrale olandese.

Collocazione tattica: Denswil è il classico difensore centrale di impostazione, piede educato (è anche un tiratore di calci piazzati), amante del cambio gioco e del lancio in profondità. Gioca nella difesa a 4, ma adattabile anche in quella a 3.

Valutazione: se il buongiorno si vede dal mattino, le prime impressioni sono tutt'altro che confortanti. Nonostante la fiducia e il posto da titolare quasi garantito a fianco di Danilo, occorre fare attenzione ai fattori ambientamento e cambio maglia. Sulla carta una scommessa stuzzicante, vista anche la propensione ai bonus, in pratica potrebbe avvicendarsi spesso con Bani, anche lui neo acquisto proveniente dal retrocesso Chievo Verona, a fianco dell'esperto Danilo. Da prendere per completare il reparto, ma a prezzo di base.