Lukaku e Vlahovic, storia di due delusioni mondiali

Il mondiale poteva essere il momento del rilancio per la loro stagione per VLAHOVIC D. e LUKAKU R., ed invece hanno dovuto risolvere ancora i loro problemi fisici che li hanno tenuti lontani dai campi di gioco di Serie A per un lungo periodo di tempo.

 

Saracinesca Szczesny, in Qatar si conferma grande para-rigori

 

Il recupero durante la coppa del mondo è stato cautelare, tant'è che i due bomber hanno giocato le ultime partite, anche se con finale diverso. Il bomber dell' Inter è stato impiegato da subentrato senza mai incidere, vedendo la sua Nazionale salutare la competizione in anticipo. Big Rom chiude così il mondiale a 0 gol, con tanti rimpianti: inutile il successo di misura col Canada, decisiva è stata la sconfitta 2-0 contro il Marocco.  Lui, il campione da 104 presenze e 68 reti realizzate1 in Nazionale, cercherà ora il riscatto in campionato con l'Inter, sperano i tifosi, dopo un inizio tormentato da problemi fisici. Una speranza per il pubblico neroazzurro e i  fantallenatori che lo aspetta con ansia, anche perché fino ad ora ha collezionato 4 presenze e un solo gol.

 

Il serbo della Juventus, ha invece giocato da titolare l' ultima contro la Svizzera ( che ha decretato la loro uscita ai gironi) segnando anche un gol con tanto di esultanza polemica. Un Mondiale che non può aver lasciato il centravanti serbo soddisfatto. Per le prestazioni della sua nazionale, uscita anticipatamente ai gironi. Ma anche a livello individuale, avendo dovuto fare i conti ancora con i problemi fisici. Solo 79 minuti in campo. Un periodo buio in cui però si è rivista una luce ancora poco luminosa, come detto nell'ultimo match contro la Svizzera. Titolare e autore di un gol, il primo al Mondiale per Dusan. Una risposta potremmo averla tra una decina di giorni, ovvero quando l'ex Fiorentina si riaffaccerà alla Continassa dopo la breve vacanza post Mondiale. Non potrà, inevitabilmente, essere al 100% ma prima del match contro la Cremonese (4 gennaio), c'è tempo per recuperarlo al meglio. 

 

Lukaku e Vlahovic, storia di due delusioni mondiali

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Troppo poco per due attaccanti che dovrebbero trascinare le proprie squadre a suon di gol. Saranno contenti i rispettivi club in cui militano, che li hanno visti rientrare in anticipo, cosicché da poter recuperare la forma fisica migliore prima della ripresa e smaltire velocemente la delusione mondiale.