Politano-Lozano, perchè ora il primo è diventato un punto fermo di Spalletti

Il Napoli di Luciano Spalletti dopo tre partite vola a punteggio pieno e con il primo scontro diretto contro la Juventus già vinto, alla scorsa per due a uno grazie ai gol di Politano e Koulibaly, sfruttando due disattenzioni della difesa bianconera. Squadra del tecnico ex Roma che ha ormai trovato una quadratura nel sistema di gioco e procede spedita verso le prime posizioni del campionato.

In particolare, Matteo Politano è diventato ormai un punto fermo dell'allenatore toscano, vincendo in via quasi definitiva il ballottaggio di inizio anno con il messicano Hirving Lozano. L'attaccante della Nazionale ex Sassuolo, ha disputato tutte e tre le gare giocate finora, partendo sempre da titolare e riuscendo a siglare già un gol e un assist all'attivo. Discorso diverso invece per il calciatore messicano, che ha disputato comunque tutte e tre le partite ma collezionando solamente spezzoni per un totale di 107 minuti, non riuscendo mai ad incidere.

Un altro spagnolo per Italiano, chi è il jolly difensivo Alvaro Odriozola

Politano sembra aver iniziato la stagione nella falsariga della scorsa, in cui mise a segno 12 gol e 5 assist in tutte le competizioni partendo da riserva nelle gerarchie dell'ex tecnico azzurro Gennaro Gattuso, in favore proprio di Lozano che invece collezionò 15 gol e 6 assist nonostante gli infortuni patiti durante l'anno.

Per Spalletti invece, Politano sembra essere il perfetto esterno funzionale per il suo gioco, che riesce ad integrare un fase difensiva e di ripiegamento ottimale e capace di giocare sia sull'esterno per mettere in condizioni il centravanti di segnare, e sia di entrare dentro al campo per aprire spazi sugli esterni per gli inserimenti da dietro.

Qui le statistiche relative alla scorsa stagione dei due calciatori: Matteo Politano  -  Hirving Lozano