Voti fantacalcio anticipi 24.a giornata Serie A: Zaniolo, dalle stelle alle stalle, Giroud cancella Ibra, Immobile e Milinkovic certezze

Reti bianche e tante polemiche all'Olimpico. Ancora una volta l’arbitro è decisivo, e anche il Var. Per la Roma, che aveva insistito per 90 minuti, e aveva trovato il gol vittoria con una splendida azione di Zaniolo, che coronava con tre punti possibili una gara  troppo bloccata e una settimana difficile. Invece, la festa sotto la Sud viene congelata dalla chiamata del Var. Abisso viene chiamato all on-field review per un pestone di Abraham in precedenza. Fiume di proteste da parte dei giallorossi, con Mourinho infuriato che quasi entra in campo. Zaniolo si fa espellere per aver protestato troppo animatamente, e così i giallorossi chiudono in 10, a parità col Genoa, che aveva perso Ostigard espulso per doppio giallo.

 

L'Inter chiude il primo tempo del derby in vantaggio per 1-0 grazie al gol di Ivan Perisic e non sembra patire più di tanto gli affondi del Milan che nella ripresa mostrano maggior piglio ma non riescono a impensierire seriamente Handanovic. Ma tra il 75esimo e il 78esimo, Olivier Giroud rifila l'uno-due micidiale che ribalta la storia del match e consegna alla squadra rossonera tre punti d'oro che le consentono di riportarsi a ridosso dei nerazzurri in vìclassifica. Sconfitta dura da digerire per Simone Inzaghi, che ha visto sfuggirgli via un match che sembrava in pieno controllo.

 

enlightenedScopri i voti degli anticipi del sabato della 24.a giornata di Serie A !

 

La prima partita del post Vlahovic vede la Fiorentina crollare sotto i colpi di Ciro Immobile e Milinkovic Savic. Dopo un primo tempo piuttosto equilibrato, i biancocelesti dominano la ripresa e trovano l'immediato vantaggio grazie all'inserimento perfetto di Milinkovic-Savic su suggerimento di Zaccagni. Gli uomini di Italiano continuano ad attaccare, ma lasciano voragini in contropiede per la Lazio. Ne approfitta il capocannoniere del campionato che, due volte a tu per tu con Terracciano, non sbaglia e regala i tre punti ai suoi (sul 3-0 è Biraghi a buttarsela dentro)