Attaccanti Serie A, le scommesse perse dell'asta estiva

Come ogni anno, nel fantacalcio, ci sono scelte azzeccate ed altre un pò meno.

Andiamo a vedere le scommesse che stanno deludendo quest'anno.

Partiamo da Muriel. Difficile parlare di scommessa con lui, vista la grande qualità che possiede, ma davanti a sè nelle gerarchie ha un gigante come Zapata e questo lo penalizza. Quest'anno quando ha avuto la possibilità di partire titolare non ha brillato ed adesso anche l'infortunio che lo ha bloccato anche se è pronto per il rientro. Poche luci e molte ombre fino a qui.

Altra delusione in questa stagione è Quagliarella. Ogni anno è stata sempre una certezza per i fantallenatori. Tanti goal e tanto spettacolo. Quest'anno solo tanta fatica. E' vero che di recente ha realizzato una doppietta, ma è stato l'unico squillo di una stagione che fa fatica a decollare.

In casa Inter hanno puntato tanto sul Tucu Correa, ma dopo un inizio di stagione interessante si è perso tra infortuni e prestazioni poco brillanti. Il suo rientro dopo una lunga assenza lo deve necessariamente portare ad un riscatto per non finire in coda alle gerarchie.

Nella Juventus questa estate è andato via Ronaldo ed è arrivato Kean con aspettative molto alte. Totalmente deluse. Qualche goal, ma tante panchine e tante prestazioni anonime. Con l'arrivo di Vlahovic potrebbe trovare ancora meno spazio. Insomma la luce in fondo al tunnel sembra essere lontana.

 

 

Focus indisponibili

 

 

Chiudiamo con un altra delusione di questo campionato ed è Ribery. Per la Salernitana si è trattato di un colpo più a livello carismatico e di carattere. Dal punto di vista dei numeri, il buio totale. I goal faticano ad arrivare e gli assist altrettanto. L'età si fa sentire, ma dal punto di vista del carisma è impressionante, ma nel cacio ed al fantacalcio servono i numeri....e non ci sono!