E' tornato il Re Leone Zapata e l'attacco del Gasp è una miniera di gol!

Altro weekend di attesa e perplessità per noi fantallenatori; domenica pomeriggio è andata in scena solamente una partita, precisamente quella tra la difesa più battuta del campionato da una parte e l'attacco più prolifico dall'altra.

Come pronosticabile, Lecce e Atalanta hanno regalato agli appassionati del calcio e soprattutto ai fantallenatori uno spettacolo pirotecnico con gol a raffica, un 2-7 che premia la squadra di Gasperini, ormai una certezza dei vertici del nostro calcio.

Tutti i giocatori offensivi del Gasp ci hanno deliziato con bonus e prestazioni convincenti, ma uno su tutti si è preso la copertina: Duvan Zapata. Nel pomeriggio del Via Del Mare, l'attaccante colombiano si è preso la scena con una tripletta da urlo: un gol nel primo tempo, stacco di testa su calcio d'angolo di Ilicic, due nel secondo, comodi appoggio su assist di Pasalic e Ilicic, per poi lasciare il campo dopo una standing ovation poco prima del 90esimo.

Nonostante gli ottimi risultati in campo europeo e nazionale dell'Atalanta, per Zapata la stagione è stata parecchio travagliata: 16 presenze, 14 da titolare, a causa di un fastidioso infortunio che lo ha tenuto lontano dai campi da gioco dalla settima alla diciottesima giornata. 6 gol e 2 assist nelle prime sette giornate, poi il calvario e il ritorno in campo, non sempre convincente: dal rientro in poi numeri per i fantallenatori 2 gol e 3 assist.

Ieri la sterzata decisiva: una tripletta da attaccante vero, che gli fa raggiungere e superare la doppia cifra (11 gol), e una prestazione maiuscola, sempre a supporto dei movimenti delle altre punte Gomez e Ilicic (1 gol e 2 assist ieri), oltre al subentrante Muriel (a segno pure lui). 

L'Atalanta si conferma macchina da gol, 70 marcature, con una gara in meno addirittura sulla seconda forza offensiva, la Lazio, ferma a 60! Dove può arrivare la banda di Gasperini dopo l'ennesima goleada e quanti gol può fare Duvan Zapata fino alla fine del campionato? La Dea non pone limiti al suo sogno e Zapata ne segnerà sicuramente tanti altri...