Portieri Serie A, i tre lowcost migliori per media voto... tutti azzurri!

Non sempre costo alto è sinonimo di sicurezza e ottime prestazioni: al fantacalcio, in ottica modificatore poi, sono utili spesso più portieri che subiscono qualche gol a favore di parate miracolose, che alzano la media con i difensori per ambire al tanto utilizzato bonus modificatore difesa. Oggi vi presentiamo i migliori profili low cost per media voto che possiamo trovare nel listone.

Escludendo Carnesecchi della Cremonese, che in una presenza ha raccolto sì 2 palloni dalla rete, ma anche un 7,5 in pagella, troviamo al primo posto l'estremo difensore dell'Empoli Guglielmo Vicario, già rivelazione lo scorso anno, che sta mantenendo lo stesso trend della precedente stagione.

Quest'anno su 10 presenze 11 gol subiti, e Mister Zanetti, ex Venezia, gioca un calcio offensivo...media voto del 6,70, una sicurezza per il modificatore: ora costa 28 crediti, inizialmente 22, Vicario, in ottica Nazionale, sta regalando tantissime gioie ai fantallenatori.

Statistiche portieri 2022/23

Un altro low cost sul podio, il portiere del Lecce Wladimiro Falcone, alla sua stagione della consacrazione dopo qualche apparizione lo scorso anno alla Sampdoria. Un gol subito in più di Vicario, e una media voto leggermente inferiore (6,55), ma in quanto affidabilità non è secondo a nessuno. Se il Lecce ha raccolto non pochi punti è merito anche del suo portierone, che da 2 crediti è passato alla quotazione di 13 crediti: vero affare!

Nella classifica dei migliori portieri per media voto troviamo Maignan (portiere più costoso) e Onana (che però ha raccolto solo 2 presenze), quindi ci sentiamo di celebrare il rendimento di Ivan Provedel, il portiere biondo della Lazio che dopo appena una partita ha approfittato di un errore grossolano di Maximiano e ha conquistato il posto da titolare a suon di parate e prestazioni da urlo.

Media voto del 6,50, con solo 5 gol subiti è il re dei clean sheet e dell'affidabilità in rapporto alle presenze in campo. Il costo? Da 20 crediti è passato a 31, ormai non è più low cost, complimenti a chi ci ha puntato da subito...