Paquetà, così non va: panchine e insufficienze che pesano!

13 presenze, solo 8 da titolare, 5 ammonizioni e un solo assist come bonus in dote ai fantallenatori in 16 partite. Queste sono le statistiche "inquietanti" di quello che sarebbe dovuto diventare la reincarnazione del tanto amato connazionale Kakà. Lucas Paquetà fino ad ora è stato tanto fumo e pochissimo arrosto, nell'anno appena concluso a Milano.

Lo scorso gennaio il giovane talento classe 1997 è sbarcato a Milano con i riflettori puntati, frutto del corposo investimento fatto l'estate prima. Un iniziale periodo di ambientamento è sicuramente concesso ad un giocatore che ha solamente calcato i campi del campionato carioca. Ha concluso la seconda parte di stagione con 13 partite, 1 gol, 4 assist, 4 ammonizioni e un espulsione: di tutto e di più in pochi mesi, con l'attenuante del modulo utilizzato dall'ex Mister Gattuso. Il 4-3-3 ha fatto arretrare il baricentro del brasiliano, diventando una mezz'ala di centrocampo, tarpando le ali alle giocate fantasiose che hanno deliziato i tifosi del Flamengo.

Tante incognite in questo inizio stagione rossonero, ma una certezza: cercare di portare Paquetà al centro del progetto Milan, con Giampaolo direttore d'orchestra. Il nuovo mister lo ha però avuto a disposizione in ritardo, causa permesso post Coppa America, e non ha potuto probabilmente lavorarci su come avrebbe voluto.

Giampaolo consigliò pubblicamente al brasiliano di aver maggior concretezza nelle giocate, di essere meno "brasiliano" in campo. Quest'ultimo dopo poche giornate e una serie negativa di risultati, viene esonerato. Paquetà contestò direttamente l'operato dell'ormai ex Mister Giampaolo, promettendo che con Pioli ci sarebbe stata anche una svolta personale, in quanto ha trovato sin da subito i suoi concetti più semplici e meno confusionari.

Ma dall'esordio in panchina di Pioli, Paquetà ancora non ha convinto: inoltre dopo le prime 6 da titolare, è rimasto seduto per ben due volte in panchina (oltre ad aver saltato Parma per infortunio) e nell'ultima partita a Sassuolo, subentrando al 56esimo, ha provato ad incidere, con la voglia di spaccare il mondo, alternando sprazzi di classe a giocate disordinate, fino all'ammonizione che gli farà saltare la prossima giornata a Bergamo.

In pianta stabile in Nazionale, seppur non essendo un titolare fisso, Lucas Paquetà in patria è amatissimo, mentre in Italia è costantemente sotto una pioggia di critiche e analisi. Nelle ultime giornate Pioli poi ha riscoperto un fuoriclasse, che risponde al nome di Jack Bonaventura, che ha limitato e limiterà molto lo spazio per il brasiliano. La fantamedia voto ad oggi recita 5,68, abbastanza deludente se si pensa che ad inizio anno era tra i primi centrocampisti del listone.

Paquetà riuscirà a ritrovare titolarità ed incisività? La domanda al momento non ha risposta, arrivederci al 2020 visto che la prossima partita sarà squalificato...