Salernitana scatenata, scopriamo il meglio di Tonny Vilhena

Inizio un po’ spaesato per Vilhena che nel primo tempo contro la Roma ha faticato a trovare la collocazione giusta sul rettangolo di gioco, toccando pochi palloni. Nella ripresa, col passaggio al 3-4-1-2, l’ex Feyenoord è salito di tono, partecipando di più alla manovra e aiutando tanto in fase difensiva. 

 

L’ormai ex centrocampista dell’Espanyol arriva proprio dagli spagnoli in prestito oneroso a 300mila euro con diritto di riscatto fissato a 3,5 milioni di euro. Un arrivo di primissimo livello per la Salernitana che rinforza il centrocampo con l’olandese. Classe ’95, può vantare ben 20 presenze in Champions League tra gironi e preliminari, oltre alle 22 presenze in Europa League. Cresciuto nel vivaio del FeyenoordVilhena è diventato una vera e propria bandiera con oltre 250 presenze con il club olandese. Tra il 2003 e il 2019 il suo passaggio al Krasnodar. Con i russi è rimasto fino al gennaio del 2022 quando è scoppiata la guerra in Ucraina.

 

Ossigeno e sfuriate, Allegri si gode l'arrivo di Kostic

 

CONSIGLI PER L'ASTA E LE SPERANZE AL FANTACALCIO

Per mister Nicola potrà rappresentare un buon colpo come sostituto di Ederson: mezzala mancina di qualità e corsa, bravo tecnicamente e brevilineo (è alto 175 centimetri), Vilhena era stato seguito in passato anche da diverse big del nostro campionato, tra cui Inter, Milan e Roma. Nel 2021-22 ha giocato in Liga all'Espanyol, (17 presenze, 1 rete, 1 assist, 4 ammonizioni), dove si è ben adattato come esterno sinistro, talvolta da terzino fluidificante, talvolta da incursore offensivo di fascia. La sensazione è che a Salerno potrebbe giocare in fascia sinistra o da interno mancino. Potrebbe rappresentare un colpo lowcost di qualità per la vostra mediana, da pagare al massimo 8-10 crediti sia in leghe da 6 che in quelle da 8 partecipanti.