Orsolini e Soriano, la mano di Motta sui segnali di ripresa

LE PRIME STAGIONI A BOLOGNA DA TRASCINATORI

Riccardo Orsolini a soli 20 anni il 31 gennaio 2018 lascia l'Atalanta per andare al Bologna accordandosi con la Juventus per un prestito di 18 mesi. Esordisce con il club felsineo il 4 febbraio, al minuto 68’ sostituendo Destro contro la Fiorentina. La stagione volge al termine con solo 8 presenze e zero goal. Sulla panchina del club rossoblù c'era Donadoni che verrà  sostituto per le prime 21 partite di campionato da Filippo Inzaghi. Inzaghi verrà sostituito a gennaio  da Sinisa Mihajlovic. Riccardo conclude la stagione con 35 presenze e 8 reti.

 

Durante il mercato invernale il Bologna annuncia l’arrivo di Roberto Soriano dal Torino ritrovando così  Mihajlovic. Le presenze dell’ex granata sono state 17 realizzando due reti. I due giocatori trovano la loro collocazione in campo con Orsolini sulla fascia destra mentre Soriano si posiziona sulla trequarti.  Nella stagione 2019/2020 Orsolini diventa il capocannoniere della squadra con 8  reti in 37 partite mentre Soriano ne realizza 5 in 29 presenze.

 

La stagione successiva entrambi i giocatori saranno i migliori realizzatori della squadra entrambi con 9 reti tra campionato e coppa Italia. Orsolini in campionato segna in 7 occasioni in 34 partite. Soriano raggiunge la sua migliore stagione in fase realizzativa con 9 nella massima serie in 37 presenze.

 

NUMERI FLOP DA RIBALTARE- La scorsa stagione Soriano non conferma le aspettative lasciando il tabellino delle marcature a quota zero in 35 presenze. Orsolini mette a segno 6 reti in 29 partite. Nella due stagioni passate il modulo utilizzato da Sinisa era il 343 con entrambi i giocatori tra i titolari. Soriano sulla trequarti e Orsolini sulla fasce destra in alternanza a Barrow.



Orsolini e Soriano, la mano di Motta sui segnali di ripresa

 

Mihajlovic viene confermato anche per la stagione appena iniziata ma dopo solo 5 giornate viene esonerato a causa degli scarsi risultati. Al suo posto viene chiamato per guidare il club falsineo Thiago Motta. Lo scetticismo dei tifosi su Motta si fa subito sentire forse per il grande affetto del popolo rossoblù nei confronti di Mihajlovic. Il nuovo tecnico ha apportato diverse modifiche al modulo con il passaggio della difesa a 4 con 3 centrocampisti centrali e il tridente di attacco.

 

Importante la posizione di Soriano che può essere schierato sulla mediana o sulla trequarti in base all’avversario. La sua posizione potrà variare anche a partita in corso. Per quanto riguarda Orsolini è il titolare insieme a Barrow come esterno offensivo. In questo inizio di stagione l’esterno offensivo ha segnato due reti in 12 partite con una media di 5,71  mentre il capitano rossoblù non ha ancora segnato in 14 partite avendo una media voto di 6,04.

 

Fantacalcio, i 7 giocatori da scambiare nella sosta

 

In chiave fantacalcio Orsolini avrà più occasioni di rendersi protagonista non avendo più la concorrenza di Barrow come negli anni passati. Discorso diverso per Soriano che non perderà sicuramente la titolarità potendo ricoprire due ruoli. Sicuramente per entrambi il cambio di allenatore avrà dato più stimoli. Per il mercato di riparazione dopo la conclusione del mondiale ritrovarsi in rosa i due giocatori rossoblù potrà essere un vantaggio in chiave di bonus visto il buon andamento di Motta nella guida della squadra.