Provaci ancora Verdi, possibile rilancio all'Hellas?

Inizio non proprio positivo per il nuovo Verona di Gabriele Cioffi, capace di collezionare solamente cinque punti in altrattente gare. Alla scorsa è arrivata la prima vittoria contro la Sampdoria, grazie anche all'autorete dell'estremo difensore blucerchiato.

Mercato intenso quello della società scaligera, che ha smantellato completamente il tridente delle meraviglie che aveva fatto faville lo scorso anno. Simeone è volato al Napoli, Caprari si è accasato al Monza e ultimo, Barak alla Fiorentina. E' cambiata anche la guida tecnica, da Igor Tudor si è passati a Gabriele Cioffi, che ha fatto bene lo scorso anno nella seconda parte di stagione all'Udinese.

Paredes, fosforo e piedi buoni, quanti bonus può dare?

Oltre all'acquisto di Henry dal Venezia, la dirigenza gialloblu ha cercato di colmare le lacune del reparto offensivo. L'ultimo giorno di calciomercato è approdato a Verona Simone Verdi, fantasista di proprietà del Torino. La scorsa stagione in forza alla Salernitana, Verdi è stato uno dei protagonisti della salvezza granata, contribuendo alla causa con 5 gol in 15 presenze.

Nel 3-4-2-1 di mister Cioffi, l'attaccante ex Torino potrebbe trovare la sua dimensione perfetta alle spalle di una punta fisica come Henry, supportato anche da un calciatore mobile quale Kevin Lasagna. In caso di emergenza, come già accaduto nella sua carriera, potrebbe anche occupare le due corsie laterali di centrocampo, ruolo che ha già provato con ottimi risultati.