Voti fantacalcio Serie A 7 giornata: Deulofeu magico, de Vrij imbarazzante, Di Maria che fai?

L'Inter esce dalla Dacia Arena di Udine con le ossa rotte. I ragazzi di Sottil dominano in lungo e largo la squadra approntata da Inzaghi che insiste nel suo periodo involutivo. L'Inter che passa in vantaggio dopo cinque minuti grazie alla punizione perfetta di Barella: conclusione a giro sopra la barriera e Silvestri battuto. I padroni di casa rispondono al 22' con il calcio di punizione di Pereyra deviato nella sua porta da Skriniar. Nel secondo tempo è l'Inter a partire meglio e al 55' Dzeko si vede annullare un gol per posizione di fuorigioco. La squadra di Sottil torna alla carica e al 73' colpisce un palo con Deulofeu, uomo assist in occasione del gol che porta in vantaggio i bianconeri all'84'. Corner dello spagnolo, Bijol anticipa tutti e batte Handanovic. Al 93' altro assist di Deulofeu e altro colpo di testa, stavolta di Arslan, per chiudere definitivamente la partita sul 3-1.

 

La Lazio reagisce dopo il pesantissimo ko in Europa League: 4-0 alla Cremonese e gara dominata allo Zini. Ancora la coppia Milinkovic-Immobile protagonista: grande assist del serbo per l'attaccante che di sinistro supera Radu dopo 7'. Al 21' il raddoppio sempre di Immobile su rigore, nel recupero del primo tempo il 3-0 di Milinkovic. Al 79' il gol del definitivo 4-0 realizzato da Pedro, palo di Romagnoli all'88.

 

yesScopri i voti del turno domenicale della 7 giornata di Serie A 

 

Clamoroso al U-Power Stadium di Monza, dove la squadra allenata da Palladino porta a casa i primi tre punti in campionato contro la Juventus, grazie al gol di Gytkaer. Partita segnata dall'episodio al minuto numero 40 dove Angel Di Maria rimedia un'espulsione diretta in seguito ad un fallo di reazione ai danni di Izzo. Nel secondo tempo è il Monza a fare la partita mantenendo il possesso e provando a colpire i bianconeri. Al minuto numero 74 il gol partita di Gytkjaer che sfugge alla marcatura di Gatti e infila Perin con il destro. La Juventus, sotto di un gol e di un uomo, prova a reagire ma la squadra di Raffaele Palladino è brava a mantenere il risultato e a strappare i primi tre punti in Serie A nella sua storia.

 

Vittoria netta e meritata (2-0) per la Fiorentina su un Verona troppo poco incisivo per portare via punti dal Franchi. I Viola aprono le marcature con Ikoné al 13', sbagliano un rigore con Biraghi al 26' e chiudono la gara al 90' con Nico Gonzalez. Dopo un primo tempo caratterizzato dai miracoli di Montipò per gli ospiti, il secondo, più spigoloso e con meno emozioni, viene segnato nel finale dall'intervento salva-tutto di Terracciano su Kallon e dal colpo del k.o dell'esterno offensivo argentino, servito perfettamente in area piccola da Mandragora.