Voti fantacalcio Serie A 20.a giornata: Gabbiadini c'è, Milinkovic the boss, iattura Immobile, Destro spaziale, Ibra ci ricasca, Chiesa top

La prima partita di Marco Lanna come nuovo presidente blucerchiato è anche la prima sconfitta (1-2) della Sampdoria nel 2022, che dopo aver trovato il vantaggio targato Gabbiadini - sesto gol consecutivo per lui - subisce la rimonta del Cagliari di Walter Mazzarri al Marassi, rinato nella ripresa con Deiola e Pavoletti. Il Cagliari si conferma bestia nera dei blucerchiati visto che nella prima parte di stagione l'unica vittoria dei sardi era arrivata proprio contro la Samp, alla nona giornata.

 

La Lazio pareggia all'Olimpico la sua prima partita del 2022 per 3 a 3 contro l’Empoli, sbagliando pure un rigore con Immobile. Il Sarrismo perde ancora una volta, trafitto dal gioco veloce, rapido, pulito dell’Empoli di Andreazzoli che mette in difficoltà la retroguardia laziale, alta e lenta, bucata pià volte dai giocatori toscani (rigore di Bajrami, Zurkowski egol di Immobile le rete del primo tempo) I biancocelesti risorgono però grazie a Milinkovic che si rimette a fare quello che faceva con Inzaghi, ovvero l’attaccante a supporto di Immobile. Il serbo è il fattore della partita: con un assist e due gol salva Sarri e la Lazio dalla sconfitta. Biancocelesti pieni di amnesie e a volte troppo leziosi, ma che portano a casa un punto insperato per come si era messa la partita. 

 

Troppo tardiva la reazione dello Spezia che dopo essere andato sotto di due reti contro il Verona di Igor Tudor che trova la doppietta di Caprari, accorcia con Erlic nei minuti finali. L'espulsione successiva di Agudelo rende più difficile la rimonta che infatti non arriva. Spezia deludente per gran parte della partita, in particolare non convincono Strelec ed Agudelo, mentre i cambi non portano agli effetti desiderati. Thiago Motta ora è a forte rischio esonero.

 

Scopri i voti del turno domenicale della 20.a giornata di Serie A 

 

Al Mapei Stadium finisce con un pareggio (1-1) la sfida tra Sassuolo e Genoa. Apre le marcature, al sesto minuto, Mattia Destro con un gran colpo di tacco che batte Sirigu. Possesso palla e iniziativa di gioco tutte del Sassuolo che assedia l'area rossoblù, ma nel primo tempo non riesce a trovare il pareggio. Al 55' Berardi sfrutta una chiusura su Raspadori e con il mancino sigla il pareggio neroverde. Al 76' ancora Berardi che prova l'eurogol con un gran tiro al volo da fuori area che esce fuori di poco. Un punto a testa per Dionisi e Shevchenko.

 

Il Milan va avanti con una certa facilita' contro la Roma. In 7' rigore trasformato da Giroud (fallo di mani di Abraham) e retropassaggio suicida di Ibanez che procura il palo di Giroud e il gol di Messias. Abraham riporta in gioco la Roma che nella ripresa tenta il tutto per tutto. Ma l'espulsione di Karsdorp segna la gara: Leao in contropiede, su assist di Ibra, fissa il 3-1. Poi Ibra sbaglia un rigore e Mancini lascia la Roma in nove. Il Milan, pur in emergenza, e' su un altro piano.

 

A Torino, la Juve riacciuffa un Napoli trascinato da Insigne, fresco di firma col Toronto e apparso per niente intimorito dal rischio di contestazioni casalinghe. Lontano da casa, l'attaccante ispira, Mertens fa gol e porta avanti i partenopei, guidati da Domenichini perche' anche Spalletti ha il Covid. Nel secondo tempo, pareggio di Chiesa e assalto juventino senza riscontri. Il Napoli recrimina per un contatto in area de Ligt-Di Lorenzo, non sanzionato dall'arbitro. Quella del Napoli e' prova di carattere, ma comunque il Milan scappa a +5 .