SCEGLI squadra

Pianeta Fanta NEWS: ANALISI POST-GARA IN CHIAVE FANTACALCIO

Fantacalcio - Algoritmo Biortimo per ricavare i migliori giocatori durante la stagione - Statistiche innovative per il fantacalcio - Calcio Mercato 2019/2020

PIANETA FANTA NEWS: scopri le informazioni sui calciatori, recuperi ed indicazioni di formazione ogni giorno!
GIUDICE SPORTIVO - CONTROLLO AMMONIZIONI 24.A GIORNATA
FANTACALCIO SERIE A GIUDICE SPORTIVO AMMONIZIONI

Verifica sanzioni col comunicato del Giudice Sportivo

Scritto da

Giudice Sportivo - Controllo ammonizioni 24.a giornata

A seguito di verifica delle sanzioni indicate nel comunicato del Giudice Sportivo, nella 24° giornata di campionato non ci sono variazioni rispetto alle ammonizioni dei giocatori indicate nei voti ufficiali.


Qui il riepilogo di giornata.

Pianeta Fanta NEWS: ANALISI POST-GARA IN CHIAVE FANTACALCIO

PROBABILI FORMAZIONI LIVE: Sinisa nei guai, Handanovic ancora a parte. Correa e Dybala dal 1', Kulusevski ci

Lopez può contare sul recupero di Joronen, Tonali e Gastaldello mentre restano ai box Cistana e Romulo oltre a Torregrossa. In avanti ipotesi doppio trequartista con Balotelli unica punta. Nel Napoli Milik sta bene e inisdia Mertens, Elmas spera nella conferma anche contro il Brescia, Allan ha fatto pace col gruppo ma non è sicura di una maglia, tra i pali possibile chance per Meret.

Nella Spal può rientrare Vicari, si potrebbe tornare al tandem Petagna-Di Francesco davanti mentre Cerri e Dabo nomn dovrebbero farcela. Si è fermato il Pipita Higuain a causa del mal di schiena, riecco Ronaldo dal 1' con Dybala. Buone notizie da Pjanic, Bernardeschi e Khedira che sono guariti, tra i pali si scalda Buffon.

Nella Fiorentina Vlahovic nettamente in vantaggio sull'ex di turno Cutrone, in regia torna Pulgar al posto dello squalificato Badelj, Duncan confermato. Nel Milan può farcela Musacchio in difesa ma occhio pure a Gabbia per l'acciaccato Kjaer, Saelemaekers,ha un problema alla caviglia e nion partirà con la squadra, Calhanoglu si è allenato in gruppo.

Nel Genoa assente per squalifica Sturaro con Cassata principale indiziato per una maglia da titolare. In mezzo mancherà anche Radovanovic: è di ieri la notizia della rottura del crociato per il centrocampista serbo che finisce anzitempo la propria stagione. Soumaro ancora in difesa, Schone e Pandev non hanno subito infortuni gravi e c'è ottimismo sul loro rientro. Inzaghi pensa a Patric in difesa, sulle fasce Lazzari e Marusic possono partire titolari, Correa stavolta parte davanti a Caicedo.

Nell'Atalanta Malinovskyi e Zapata dovrebbeero partire titolari avendo riposato in Champions, da valutare l'infortunio di Dijmsiti in difesa. Pochi cambi in vista nel Sassuolo, in difesa scalpita Marlon, in attacco Defrel non è al meglio.

 

cool AGGIORNATI IN TEMPO REALE CON LE NOSTRE PROBABILI FORMAZIONI!

 

Nel Verona si è fermato anche Borini, dopo Pazzini, per fortuna di Juric recupera Di Carmine, in mezzo al campo Pessina al posto delo squalificato Veloso. 

Nel Cagliari mancherà nandez squalificato ma rientrano Nainggolan e Rog, dall'infortunio,  in mezzo Oliva cerca spazio ma occhio alla conferma di Pereiro (in quel caso Ninja a fare la mezz'ala). Longo pensa a Zaza con Belotti per provare a risolvere la crisi offensiva del Toro, Verdi recupera dalla febbre, Izzo rientra dalla squalifica, Rincon non al top andrà valutato.

D'Aversa non recupera nessuno e quindi spazio a Brugman, Hernani e Kurtic in mezzo al campo, in attacco Kulusevski ha dato segnali positivi e potrebbe partire in panchina, con Cornelius confermato al fianco di Gervinho.

Fonseca può riabbracciare Diawara dopo un lungo stop, per il resto difficile pensare a un'latra panchina per Kolarov a sinistra.  Nel Lecce Falco, uscito dal campo infortunato nell’ultima sfida contro la Spal, dovrà stare ai box per circa un mese. Rispoli e Saponara hanno svolto un programma personalizzato. Davanti resta quindi il solo Lapadula, con lui Mancosu e probabilmente Shakhov a supporto sulla trequarti.

Tantissime assenza nelle file del Bologna: Schouten e Denswil sono squalificati, Medel, Krejci e Dijks sono acora ai box, e oggi si è fermato anche Svanberg. Skow Olsen dal 1' o Santander che pare tra i recuperabili. Nell'Udinese Becao al posto dell'acciaccato De Maio, in atatcco rischia Lasagna che è tallonato da Nestorosvki per un posto al fianco di Okaka.

Dopo l'impegno di Europa league torna Lukaku dal 1' in attacco, Brozovic non preoccupa più di tanto, Young a destra è un'opzione probabile. Eriksen ha giocato 90' in coppa, complicato che ne faccia altrettati in campionato, tra i pali slitta ancora il rientro di Handanovic. Nella Sampdoria out Murru e Ramirez per squalifica, pronti Augello e Jankto. Ekdal rientra dal 1', occhio a Yoshida possibile titolare in difesa.

Pianeta Fanta NEWS: ANALISI POST-GARA IN CHIAVE FANTACALCIO

DA UOMO-MODIFICATORE A PEGGIORE IN CAMPO, CHE SUCCEDE A SKRINIAR AL FANTACALCIO?
INTER SKINIAR M. MEDIA VOTO FANTACALCIO

Rendimento deludente per uno dei centrali rivelazione delle passate stagioni in Serie A

Scritto da

Da uomo-modificatore a peggiore in campo, che succede a Skriniar al fantacalcio?

Il difensore slovacco, apparso già in difficoltà in Coppa Italia nella semifinale contro il Napoli, ha fornito un’altra prestazione non convincente con la Lazio. Sicuramente a Roma ha sofferto la posizione a sinistra nella difesa a tre, probabilmente disposta per arginare la prestanza aerea di Milinkovic Savic, ma proprio il serbo ha creato non pochi problemi e Conte ha invertito la posizione con Godin a partita in corso (senza in realtà avere grossi risultati).

Anche in coppa, schierato nella sua posizione naturale, non ha brillato ed era sostituito a fine primo da D’Ambrosio per un presunto risentimento muscolare, dopo che Elmas gli aveva causato non poche difficoltà sulla fascia.

enlightened Scopri le statistiche di Milan Skriniar dopo 24 giornate

La sensazione è che giovedì riposi in Europa League per recuperare la forma migliore e regalare un bonus con il più classico gol dell’ex (alla prima stagione in neroazzurro aveva regolato 4 gioie).

Una media voto del 5,92 (5,44 se guardiamo le partite in casa) per un giocatore che è stato sempre pedina da modificatore, 6 gialli (uno ogno 4 gare circa) e un trend recente che ci fa dire come il centrale slovacco possa solo migliorare in ottica fantacalcio con un calendario nerazzurro che, dopo derby, Lazio e Juve, sarà più abbordabile almeno sulla carta.

Pianeta Fanta NEWS: ANALISI POST-GARA IN CHIAVE FANTACALCIO

E' TUTTO UN ALTRO CHIESA: LEADERSHIP, GOL E...RIGORI PER UN RITORNO DA PROTAGONISTA
FIORENTINA CHIESA F. GOL BONUS FANTACALCIO

Il giocatore viola torna ad essere protagonista

Scritto da

E' tutto un altro Chiesa: leadership, gol e...rigori per un ritorno da protagonista

A un passo dall'addio, poi la permanenza (forzata?) e la "crisi viola". Federico Chiesa inizia il campionato 2019/2020 tra le critiche e con qualche incertezza di troppo: poi l'arrivo di Beppe Iachini che lo "inventa" centravanti con Vlahovic (o Cutrone) e la Fiorentina ritrova i risultati. Insomma, Chiesa oggi è una punta vera, ed il simbolo del rilancio viola.

Tre gol in due giornate, si è finalmente ripreso gli applausi del suo pubblico e la credibilità dei fantallenatori che lo hanno acquistato come top di ruolo a inizio stagione, vedoni finalmente i frutti della lunga attesa.

L'attaccante - in diverse leghe listato anche centrocampista -, è a quota 6 gol e sembrerebbe essere un giocatore ritrovato. I compagni lo cercano, scende a centrocampo per recuperare pallone e far ripartire la squadra: un vero e proprio leader come non lo vedevamo da parecchio tempo.

 Chiesa non segna più, i numeri della stagione horror dell'esterno viola

Con Pulgar in panchina, nell'ultima partita ha anche siglato un gol su calcio di rigore, questo rimette in discussione tutto e sarà interessante capire chi tra lui, Vlahovic e il centrocamposta cileno sarà incaricato a battere dal dischetto.

Pianeta Fanta NEWS: ANALISI POST-GARA IN CHIAVE FANTACALCIO

PIANETABET - CLASSIFICA AGGIORNATA 24^ GIORNATA
INTER ROMA ATALANTA LAZIO BRESCIA JUVENTUS

38 SQUADRE HANNO INDOVINATO ALMENO 1 RISULTATO

Scritto da

PIANETABET - CLASSIFICA AGGIORNATA 24^ GIORNATA

Sempre più entusiasmante la classifica del nuovo gioco "PianetaBet", gioco semplicissimo dove bisogna indovinare il risultato esatto di tre partite scelte dalla redazione di Pianetafanta.it

Ben 38 presidenti hanno indovinato il risultato di almeno 1 partita (13 punti guadagnati) e ben 7 presidenti hanno fatto la doppietta (con ben 33 punti guadagnati in una sola giornata)


Nel dettaglio :

In merito all'andamento della 24.a giornata questi i risultati generali:

  • Juventus - Brescia 2-0 - Numero Pronostici indovinati: 9 (13%)
  • Lazio - Inter 2-1 - Numero Pronostici indovinati: 14 (20%)
  • Atalanta - Roma 2-1 - Numero Pronostici indovinati: 15 (21%)

La Classifica Generare di PianetaBet subisce uno scossone.

In testa troviamo BALOTELLI TEAM2 che dalla seconda posizione balza in testa ai danni dell'altra squadra di "mario Balotelli" ovvero la BALOTELLI TEAM4.

Al terzo posto si insedia FLYNET F.C. di Marco Vola.

guarda la Classifica Generale Completa

Tutto naturalmente può ancora cambiare, ogni settimana ci sono in palio ben 63 punti.

Vi ricordiamo che è sempre possibile iscriversi andando su questo link.
Una registrazione, tante possibilità di vittoria! con PianetaBet e PianetaLeague con ben 6 classifiche 

Pianeta Fanta NEWS: ANALISI POST-GARA IN CHIAVE FANTACALCIO

Voti posticipo Serie A 24.a giornata fantacalcio Milan-Torino: sentenza Rebic, Ibra non graffia. Belotti non

A fare la partita è sempre il Milan. Il Torino, invece, preferisce attendere facendo densità. Al 16′ è miracoloso Bremer a fermare in scivolata un’imbucata per Castillejo. Immediata però la risposta dei granata. Edera serve con un bel filtrante proprio il terzino, il quale a sua volta fornisce un ottimo assist per Berenguer all’altezza del rigore: ma l’esterno spagnolo calcia male e sfuma una ghiotta occasione. La partita a questo punto inizia ad accendersi. Prima è Bremer di testa ad andare vicino al gol su una punizione di Berenguer. Poi Sirigu sventa con un miracolo un tiro da fuori di Paquetà.

Al 25′ il Milan passa. Berenguer perde palla e lamenta un fallo di Castillejo, ma Fabbri lascia correre. Allora lo spagnolo si invola sulla destra e serve al centro Rebic, che deve solo incrociare per battere un incolpevole Sirigu.  Milan vicino al raddoppio poco dopo: Lukic prova a cambiare gioco con una punizione sulla trequarti difensiva, ma serve di fatto Castillejo, che punta la porta e serve Ibrahimovic. Il tiro delle svedese viene poi deviato in corner da Bremer. Al 40′ Berenguer ed Edera sprecano una punizione da buona posizione.
 

yes Scopri i voti ufficiosi del posticipo del lunedì tra Milan e Torino !

Nella ripresa subito Theo Hernandez che parte a tutta velocità e serve sulla sinistra Rebic, che punta Lyanco e passa centralmente per Castillejo. Lo spagnolo finta il tiro e la cede a un liberissimo Ibrahimovic sul centro sinistra, lo svedese calcia di interno collo e sfiora il palo alla destra di Sirigu

Il predominio territoriale del Torino si fa sempre più netto, con i rossoneri che faticano a ripartire accusando un calo atletico. Così al 64′ Longo inserisce Zaza per Edera, cercando di aumentare il peso offensivo. Pioli allora sostituisce un Paquetà fischiatissimo al momento dell’uscita dal campo e inserisce Bonaventura. Proprio il neo entrato va vicino al raddoppio al 73′, quando riceve al limite dell’area e, aiutato anche da una deviazione di Nkoulou,sfiora il 2-0. Il Milan riesce a gestire senza troppi patemi nei minuti finali, aggiudicandosi una vittoria che li avvicina sempre di più alla zona europea, Toro alla quinta sconfitta di fila.

Nel Milan Rebic salva ancora la serata in attacco, Kessie con forza e Castillejo sembra rinato, anche il baby Gabbia non sfigura anche se il Toro davanti è poca cosa con Belotti sempre più isolato, anonima pure la prova di Berenguer, Sirigu e Nkoulu limitano i danni, tanta quantità per Lukic.

Pianeta Fanta NEWS: ANALISI POST-GARA IN CHIAVE FANTACALCIO

Pjanic, guaio all'adduttore col Brescia, a rischio la sfida scudetto contro l'Inter?

Arrivano buone notizie per la Juventus e i fantallenatori.

 

 

Miralem Pjanic, sceso in campo per soli otto minuti contro il Brescia, non ha rimediato nessun infortunio grave.
Gli esami strumentali a cui si è sottoposto questa mattina hanno escluso lesioni muscolari, evidenziando solamente un lieve affaticamento all’adduttore destro. Le sue condizioni, ha comunicato la società bianconera, saranno valutate nei prossimi giorni.

 

 

La nuova vita di Sanabria al Genoa, al fantacalcio una scommessa da bonus?

 

 

Il giocatore salterà con molta probabilità la sfida di sabato contro la Spal, così da tornare a disposizione per le sfide contro il Lione in Champions e lo scontro diretto contro l’Inter in campionato.

 

 

I fantallenatori, dunque, dovranno rinunciare al bosniaco per un solo turno. Seguiranno aggiornamenti.

Pianeta Fanta NEWS: ANALISI POST-GARA IN CHIAVE FANTACALCIO

RADU, TERZA PARTITA DI FILA IN PANCHINA AL PARMA: CEDERE SUBITO O TENERE IN ROSA?
GENOA RADU I. PORTIERE PARMA PANCHINA COLOMBI S.

L'ex Genoa e Avellino sta soffrendo di una situazione alquanto emblematica

Scritto da

Radu, terza partita di fila in panchina al Parma: cedere subito o tenere in rosa?

Lo strano caso di Ionut Radu sta spazientendo e non poco i fantallenatori che hanno investito su di lui ad inizio anno.

Il portiere rumeno classe 1997, proveniente dal settore giovanile dell'Inter, dopo aver militato un anno in serie B ad Avellino, venne girato al Genoa la scorsa stagione per fare il vice-Marchetti, portiere ex Lazio e nel giro della Nazionale in passato.

Poche partite e Marchetti venne "bocciato": qualche incertezza di troppo e il talento del giovane rumeno incalzante hanno fatto sì che già ad ottobre le gerarchie fossero cambiate. Ionut si rivelerà il portiere più sorprendente dell'anno: 33 presenze, 44 gol subiti e una fantamedia discreta del 4,95 per un portiere di una squadra che si è salvata all'ultima giornata.

Riconfermato come titolare quest'anno, prestito rinnovato dall'Inter, succede l'imprevedibile: innanzitutto il Genoa arranca sin da subito, allenatori che si susseguono e la "rifondazione" di gennaio. Mattia Perin, cuore rossoblu, che aveva provato a consacrarsi alla più blasonata Juventus, torna al Grifone per fare titolare. 

Radu effettivamente quest'anno non stava rendendo nemmeno fantacalcisticamente parlando (complice anche la difesa ballerina) con una fantamedia del 4,06, 17 presenze e 35 gol subiti.

Così sul gong del mercato l'occasione Parma: Sepe, titolarissimo, si infortunia e resterà fuori per un mese e mezzo/due, Radu sarà il sostituto.

Passi pure la prima partita, l'ex secondo di Sepe Colombi gioca al suo posto nel 2-2 di Cagliari, dove raccoglie un 7 in pagella. Passi la seconda partita, D'Aversa premia la prestazione precedente riproponendo Colombi contro la Lazio. Solo un gol subito e una sufficienza tranquilla. 

Alla terza panchina di fila però i fantallenatori si iniziano a fare domande, soprattutto dopo che Simone Colombi (ex Carpi, Cagliari e Palermo) ha trovato il clean sheet contro l'offensivo Sassuolo.

Consigli asta di riparazione, portieri: chi sale e chi scende, la top 5!

Per noi, purtroppo, la risposta è solo una: virate altrove. Innanzitutto Sepe non tarderà il suo rientro, visto che è già febbraio inoltrato, in più c'è un Super Colombi che non ne vuole sapere di abbandonare la porta emiliana. 

Pianeta Fanta NEWS: ANALISI POST-GARA IN CHIAVE FANTACALCIO

LA NUOVA VITA DI SANABRIA AL GENOA, AL FANTACALCIO UNA SCOMMESSA DA BONUS?
BOLOGNA SANABRIA T. ATTACCANTE GENOA BONUS SCOMMESSA

Eurogol sabato nell'anticipo a Bologna, sempre più titolare e decisivo

Scritto da

La nuova vita di Sanabria al Genoa, al fantacalcio una scommessa da bonus?

Sabato pomeriggio elettrizzante in quel di Bologna per il Grifone, corsaro al Dall'Ara con un secco 0-3 senza storia. Hanno avuto la meglio la voglia di vincere e la sete di punti salvezza del Genoa, ritrovato con la cura Davide Nicola e con i nuovi acquisti della solita rivoluzione di mercato.

A farne le spese un Bologna ingenuo che, oltre alle amnesie difensive, si trova a giocare per un tempo e mezzo in dieci uomini per un intervento pericolosissimo di Schouten, giovane mediano rivelazione di gennaio. Da segnalare però il coast-to-coast vincente dello 0-2 di un attaccante ritrovato, Antonio Sanabria.

L'attaccante 23enne è sempre stato un oggetto misterioso nelle mani dei fantallenatori. Dopo le buone prestazioni con il Barcellona B, la Roma tramite il Sassuolo si è accaparrata il talento dell'argentino, ma dopo una manciata di presenze di in Italia senza lasciare il segno, migra allo Sporting Gijon, in Liga. Qui l'exploit, 11 gol in 29 presenze, la chiamata conseguente del più blasonato Betis Siviglia.

Con i biancoverdi due stagioni e mezzo ad un buon livello (14 gol totali), e il richiamo dell'Italia, dove il Genoa di Preziosi decide di investire su di lui. Appena arrivato un enorme exploit, segnò per tutto gennaio, fece "scannare" i fantallenatori, poi il nulla. Quest'anno, in linea con il momento no della squadra fino a dicembre, segnò 0 gol fino alla 19esima giornata, poi la svolta, alla terza presenza da titolare consecutiva con il nuovo Mister Nicola.

Consigli asta di riparazione attaccanti: chi sale e chi scende. La top 5!

Gol contro il Verona, gol contro l'Atalanta alla 22esima e gol sabato contro il Bologna, dopo aver recuperato palla al limite della propria area, attraversando il campo in velocità e con la complicità dell'inerme difesa emiliana. Nell'articolo sopra citato ve l'avevamo consigliato, era tra le 5 rivelazioni su cui puntare.

Speriamo che ci abbiate seguito, perchè ora Sanabria è sempre più centrale nel progetto, titolare fisso, e ha iniziato a segnare, con un Genoa più solido e quadrato alle spalle.

 

Pianeta Fanta NEWS: ANALISI POST-GARA IN CHIAVE FANTACALCIO

Voti fantacalcio Serie A 24.a giornata: Gervinho, gol della pace, boom boom Chiesa. Dybala incanta, perla Mer

Un primo tempo equilibrato alla Dacia Arena, con l’Udinese che ha più possesso palla, ma il Verona ha le occasioni migliori con Musso super protagonista al 39′ quando salva da un gol che sembrava fatto su colpo di testa ravvicinato. Per i bianconeri l’occasione migliore è di Lasagna che al 16′ viene servito bene da Fofana, ma l’attaccante colpisce male e  il pallone si perde tra le braccia di Silvestri che replica anche su De Paul poco dopo.

Nella ripresa non cambialo spartito: Udinese che prova a farsi viva in area (annullato un gol per fuorigioco a De Paul al 65′), Verona che sfiora il colpaccio  al 78′ quando Nuytinck respinge sulla linea un toro a botta sicura di Zaccagni. Finisce 0-0 con l'Hellas che avvicina la Roma in classifica e l'Udinese che muove ancora la classifica dopo il pari di Brescia.

Musso migliore in campo tra i friulani assieme a De Paul e Fofana, delude Lasagna. Per i veneti si confermano Borini e Lazovic, sempre bravo a fasi trovare pronto Silvestri, Rrhamani puntuale nelle chiusure.

Nel primo tempo sembra partire meglio la Samp, brava nel pressing, ma la partita si mette subito in salita. Dopo otto minuti Vlahovic è libero di crossare dalla destra, il pallone rasoterra attraversa tutta l'area e sbatte sui piedi di Thorsby. Autogol e subito 1-0 per la Viola. Al 18', però, la fortuna gira di nuovo le spalle ai blucerchiati. Ramirez tocca il pallone con le mani su un pallone innocuo. Irrati dopo il consulto del var fischia calcio di rigore. Sul dischetto si presenta Vlahovic, Audero intuisce il tiro ma il pallone termina in rete. 2-0 per la Viola con Vlahovic che esulta sbeffeggiando la Gradinata Sud. L'arbitro ammonisce sia l'attaccante che Murru. Al 40' Murru rifila una gomitata in area a un avversario in area di rigore. L'arbitro non vede ma il var si. Espulsione per il difensore e rigore per la Fiorentina. Dal dischetto questa volta si presenta Chiesa che sigla il 3-0. Poco dopo Badelj rimedia un rosso per doppia ammonizione. 

Nella ripresa Ranieri prova a dare la scossa, la Samp però non cambia marcia e al 56' arriva il colpo del ko. Audero respinge male un tiro dal limite dell'area e Vlahovic spinge il pallone in rete sulla ribattuta. 4-0 e partita chiusa. La Viola ha ancora il tempo per colpire due pali clamorosi, poi abbassa il ritmo e controlla la gara. . La Fiorentina torna a pungere nel finale e Chiesa in contropiede con un destro violentissimo all'incrocio. Al 90' l'unico lampo è di Gabbiadini che di testa insacca la rete del definitivo 5-1

Nel tracollo doriano i peggiori sono Colley in diesa, oltre agli espulsi Thorsby e Murru male Bertolacci da titolare e Quagliarella che non reagisce mai durante il match. Chiesa e Vlahovic fanno la voce grossa, Castrovilli e Dalbert tra i più pimpanti.

La Juventus parte molto aggressiva collezionando otto calci d’angolo in quindici minuti.  Prima occasione potenziale per Higuain, anticipato in corner. Il Brescia è molto chiuso e ci prova in ripartenza. Al 20'ventesimo errore difensivo, Bonucci stende Aye’,punizione di Balotelli a lato. Grandissima occasione al 31' per la Juventus, lavora bene Higuain per Dybala che tutto solo mette incredibilmente a lato. Ingenuità di Aye’ che commette un fallo al limite su Ramsey e si becca il secondo giallo.  Sulla punizione la Juventus passa con Dybala abile a superare il portiere del Brescia con un tiro a giro.Subito occasione per Higuain a lato e per Dybala con tiro al volo parato.  La Juventus ora crea, testa di Rugani e miracolo di Andrenacci. 
Bianconeri che chiudono la prima frazione avanti di un gol e di un uomo.  

enlightenedScopri i voti ufficiosi della 24.a giornata di Serie A !

I bianconeri partono forte nella ripresa per chiudere il match, la palla in area non arriva a Higuain con miracolo della difesa azzurra. Bianconeri che spingono ma che trovano il raddoppio. Esce Ramsey ed entra Pjanic. La Juve finalmente raddoppia, bravo Cuadrado ad inserirsi e scambiare con Matuidi che di tacco serve il colombiano davanti al portiere. Minuto 77 rientra Chiellini in campo dopo un lunghissimo stop ed esce Bonucci. Si fa male il neo entrato Pjanic dopo appena 6' dal suo ingresso. La Juventus controlla agevolmente nel finale andando vicina al terzo gol con Dybala che colpisce una clamorosa traversa.

Tra i bianconeri Dybala in giornata di vena, Higuain ancora a secco, la difesa si limita al minimo sindacale e Bentancur nel finale prende il palo, dopo una prova importante. Nel Brescia non sfigura nessuno, Andrenacci non male all'esordio, Balotelli isolato e senza spunti.

Comincia meglio il Sassuolo, che spaventa il Parma prima con una conclusione di Kyriakopoulos, poi con un tentativo di Obiang, che, ben servito da Boga, spara addosso a Colombi. I ducali, tuttavia, sono ben disposti in campo e, quando riescono a ripartire in contropiede, sanno far male: un po' come al 25', quando Brugman recupera palla su Berardi ed allarga per Cornelius, che pesca a centro area Gervinho, il quale da pochi passi non può proprio fallire. La reazione dei neroverdi è immediata,  la chance più ghiotta capita sui piedi di Caputo, il cui diagonale termina di poco a lato.

Ad inizio ripresa, i ragazzi di D'Aversa provano a farsi subito vedere dalle parti di Consigli con un colpo di testa di Cornelius e con un tiro debole di Siligardi, ma sono sempre i padroni di casa a tenere in mano il pallino del match, rendendosi particolarmente pericolosi con Caputo, la cui conclusione improvvisa è neutralizzata dall'attento Colombi. Ma il Sassuolo insiste e per ben due volte va ad un passo dal pari: nella prima circostanza è la traversa a dare una mano al Parma su un meraviglioso tentativo di Locatelli; nella seconda è invece bravo Colombi a dire di no a Caputo in due tempi. Nonostante gli sforzi finali dei neroverdi, all'85' il Parma rischia anche di raddoppiare con Pezzella: il tentativo del laterale mancino crociato è però alzato in calcio d'angolo da Consigli. Finisce così, con gli emiliani che mettono un altro tassello pesante verso la salvezza, Sassuolo sfortunato e impreciso.

Caputo spreca troppo, Locatelli inventa ma oggi è l'estro di Boga a mancare nel match. Nel parma Gagliolo chiude tutti gli spazi e Colombi è sempre reattivo, Cornelius cresce nella ripresa e Gervinho dimostra subito perchè è difficile rimunciare a uno come lui.

Primo brivido al 3' tra Cagliari e Napoli, Mertens calcia a giro da appena dentro l'area, con il pallone che si spegne di poco sul fondo. 
Per vedere la prima occasione rossoblu, bisogna attendere il 18', quando Simeone calcia di poco alto dal limite. Passano 3' ed i rossoblu si rendono pericolosi con l'esordiente Pereiro ed il suo mancino, che costringe Ospina in due tempi, dal limite dell'area partenopea. Gara che non si sblocca ma che risulta comunque vivace, al 32' grande percussione da parte di Pereiro, che mette a sedere i difensori ospiti e calcia col destro sull'esterno della rete.

Il Cagliari ci prova in avvio di ripresa, ma la conclusione da parte di Simeone al 49', non trova fortuna. Al 66' arriva il vantaggio ospite: Cagliari in proiezione offensiva, Pisacane perde palla e da il via alla ripartenza partenopea, che si conclude con Mertens, che da posizione defilata, beffa Cragno con un gran destro a giro sul secondo palo. I rossoblu provano a spingersi alla ricerca del pari, ci prova Pellegrini dalla distanza al 72', ma Ospina è attento. Sempre da fuori, all'84' ci prova Klavan con una sventola mancina dalla distanza, ma Ospina si rifugia in angolo. ll forcing finale sardo non sortisce effetti, il Napoli espugna la Sardegna Arena.

Il più vivo tra le fila rossoblu è Gaston Pereiro che semina diversi avversari con i suoi spunti, male Pisacane che propizia il gol avversario, Joao Pedro non si vede mai. Bene Ospina e Manolas in difesa, anche Elmas continua il suo buon momento, prezioso Fabian Ruiz, Mertens firma un gol dei suoi e Gattuso adesso ha un'arma in più per il finale di stagione.

Nello scontro diretto per il vertice, l'Inter cade in casa della Lazio: la formazione di Simone Inzaghi si impone per 2-1 nel big match della quarta giornata di ritorno di Serie A, sorpassa la squadra di Antonio Conte al secondo posto e certifica ulteriormente la sua candidatura per lo scudetto. Una partita che vede un primo tempo , dove le due squadre vivono di folate fino al 44' quando Ashley Young trova la sua prima rete italiana ribadendo in rete una respinta difettosa di Strakosha sul tiro di Candreva. Nella ripresa la Lazio mostra il volto più aggressivo, trovando il pareggio su rigore grazie a Ciro Immobile dopo cinque minuti (contatto dubbio con De Vrij) e trova la rete che ribalta la partita con Milinkovic-Savic che su azione confusa da corner fulmina Padelli dopo una respinta miracolosa di Brozovic sulla lineaL'Inter incassa la sua seconda sconfitta in campionato, con la Lazio che diventa adesso grande antagonista della Juve per lo scudetto.

Nell'Inter ancora una volta Padelli conferma la sua inadeguatezza a certi livelli, la difesa soffre su tante situazioni facilmente leggibili, Vecino oggi meno espolosivo, Brozovic ingabbiato. Davanti Lukaku ci prova un pò di più di un Lautaro in netta involuzione, Young è tra i più in palla. Per la Lazio superba prova di Milinkovic, Luis Alberto e Acerbi, con Luiz Felipe che alla fine è decisivo anche se con qualche brivido, Immobile mette apprensione perenne alla difesa avversaria, Strakosha incerto sul gol e Caicedo oggi è impalpabile.

Pianeta Fanta NEWS: ANALISI POST-GARA IN CHIAVE FANTACALCIO

pianeta news
© 2003 - 2020 PianetaFanta.it - Tutti i diritti riservati