PianetaTV
PianetaLeague - Fantacalcio gratis
SCEGLI squadra
Gioca a PianetaBet - pianetafanta.it

Approfondimento Pianeta Magazine : FANTA NEWS : ANALISI POST-GARA IN CHIAVE FANTACALCISTICA | pianetafanta.it | Pianeta Sos

Fantacalcio - Algoritmo Biortimo per ricavare i migliori giocatori durante la stagione - Statistiche innovative per il fantacalcio - Calcio Mercato 2019/2020

PIANETA FANTA NEWS: scopri le informazioni sui calciatori, recuperi ed indicazioni di formazione ogni giorno!
GIUDICE SPORTIVO - CONTROLLO AMMONIZIONI 3.A GIORNATA
FANTACALCIO SERIE A GIUDICE SPORTIVO AMMONIZIONI

Verifica sanzioni col comunicato del Giudice Sportivo

Scritto da

Giudice Sportivo - Controllo ammonizioni 3.a giornata

A seguito di verifica delle sanzioni indicate nel comunicato del Giudice Sportivo, nella 3° giornata di campionato non ci sono variazioni rispetto alle ammonizioni dei giocatori indicate nei voti ufficiali.


Qui il riepilogo di giornata.

Approfondimento Pianeta Magazine : FANTA NEWS : ANALISI POST-GARA IN CHIAVE FANTACALCISTICA | pianetafanta.it | Pianeta Sos

SARRI FA LA CONTA IN INFERMERIA: I TEMPI DI RECUPERO PER PJANIC, DANILO E DOUGLAS COSTA
JUVENTUS COSTA D. PJANIC M. DANILO LU. INFORTUNI

Il talento di cristallo: un infortunio già messo in conto per l’esterno brasiliano

Scritto da

Sarri fa la conta in infermeria: i tempi di recupero per Pjanic, Danilo e Douglas Costa


A Firenze è arrivato il primo pareggio per i bianconeri dopo avere raccolto 6 punti nelle prime due giornate di campionato, ma questa potrebbe non essere l’unica nota stonata della terza giornata di Serie A…Nel match contro la Fiorentina, infatti, mister Sarri ha dovuto praticamente usufruire di tutte e tre le sostituzioni a disposizione per via di infortuni e acciacchi vari.

Su tutti il tanto temuto crack per Douglas Costa, talento cristallino che ormai abbiamo imparato a conoscere negli anni: il brasiliano dopo 5’ di gioco era già ko. La “…lesione muscolare di medio grado al muscolo semimembranoso della coscia destra” non lascia molto spazio all’immaginazione e come ogni infortunio di questo tipo si parte dai classici 20 giorni per smaltirlo ai quali si aggiungono almeno 10 giorni prima di tornare a disposizione. Possibile ritorno quindi per fine ottobre nella gara in casa contro il Bologna del 19 ottobre, anche se con Douglas non si mai…

Discorso diverso per Pjanic uscito “acciaccato” per un problemino ancora al flessore della coscia destra proprio come il brasiliano, ma la sensazione è che lui si sia fermato in tempo, tanto che stasera nella partita di esordio in Champions potrebbe addirittura partire titolare.

Il nuovo acquisto Danilo invece è stato sostituito per crampi dopo un’ora di gioco e anche lui sarà regolarmente a disposizione per i prossimi impegni bianconeri. Nota lieta per Sarri che come alternativa nel ruolo di terzino destro ha solamente Cuadrado, con De Sciglio ancora fermo ai box.

Approfondimento Pianeta Magazine : FANTA NEWS : ANALISI POST-GARA IN CHIAVE FANTACALCISTICA | pianetafanta.it | Pianeta Sos

PIANETA BET - CLASSIFICA
JUVENTUS FANTACALCIO BET ROMA SCOMMESSE PRONOSTICI

Ecco chi ha indovinato i pronostici di questa settimana

Scritto da

Pianeta Bet - Classifica

 

Ecco i risultati del nostro nuovo concorso Pianeta Bet.

Questa settimana pronosticano esattamente il risultato di Napoli-Sampdoria in 18, quello di Roma-Sassuolo solo in 4 ma nessuno azzecca il pareggio a reti bianche di Fiorentina-Juventus.

In classifica generale Bandoleri Stanchi di Marco Valentini, che questa settimana ha indovinato 2 pronostici facendo 33 punti, affianca a 49 punti Asensio di Giuseppe Geroglifici che ha indovinato un risultato. Al 3° posto a 39 punti Team Matteo 10 di Matteo Alessandrino che ha acquisito solo i 3 punti di partecipazione, avendo sbagliato i 3 risultati da pronosticare.

Questa la classifica attuale.
Tutto naturalmente può ancora cambiare, ogni settimana ci sono in palio ben 63 punti.

Vi ricordiamo che è sempre possibile iscriversi andando qui. Una registrazione, doppia possibilità di vittoria!

Approfondimento Pianeta Magazine : FANTA NEWS : ANALISI POST-GARA IN CHIAVE FANTACALCISTICA | pianetafanta.it | Pianeta Sos

Voti Fantacalcio Ufficiali con Assist 3.a Giornata Serie A

 

Solo l'Inter, battendo l'Udinese, rimane a punteggio pieno dopo le prime 3 giornate di campionato. 

La Juventus non brilla e viene fermata sullo 0-0 dalla Fiorentina.

Va peggio al Torino che nel posticipo di ieri sera viene battuto in casa dal Lecce, che muove così la propria classifica e lascia a 0 punti la Sampdoria, sconfitta sabato pomeriggio dal Napoli.

Allo scadere l'Atalanta porta a casa i 3 punti battendo il Genoa, così come il Bologna che rimonta il doppio svantaggio del Brescia. Altra vittoria fuori casa quella del Cagliari sul Parma.

Alterni risultati per le 2 romane, Lazio rimontata nel recupero dalla Spal mentre la Roma, dopo aver segnato 4 gol in poco più di mezz'ora, vince sul Sassuolo in cui Berardi sigla una doppietta portandosi a 5 gol segnati.

Infine anche il Milan, seppur stentando, vince a Verona grazie al rigore segnato da Piatek.

Per tutti i voti ufficiali della 3° giornata di Serie A clicca qui

Approfondimento Pianeta Magazine : FANTA NEWS : ANALISI POST-GARA IN CHIAVE FANTACALCISTICA | pianetafanta.it | Pianeta Sos

Voti fantacalcio posticipo Serie A Torino-Lecce: Falco show, Belotti e Izzo leader, Dijdij disastroso, sorpre

Nel posticipo del monday night tra Torino e Lecce  a partire meglio è la squadra granata, che amministra il possesso del pallone; facendosi però vedere con poca convinzione dalle parti di Gabriel. Le prime occasioni della squadra di Mazzarri (all’8′ e al 22′) portano la firma di Berenguer, che però sbaglia la scelta al momento del tiro. Al 25′ proteste di Belotti, che viene trattenuto in area da Rispoli. Il Lecce pazienta, resiste e alla fine passa in vantaggio al 34′: Farias si incunea in area e al secondo tentativo batte Sirigu, con la difesa del Torino colpevolmente immobile sulla prima respinta dell’estremo difensore sardo. Il primo tempo finisce così: pugliesi avanti 0-1.

La pressione dei padroni di casa si concretizza al 53′, con Belotti che però si vede annullare da Giua il gol del potenziale 1-1 per fuorigioco. Poco male, perché 3′ più tardi, sugli sviluppi di un calcio d’angolo, Zaza viene steso in area di rigore. E’ penalty: dal dischetto va Belotti, che spiazza Gabriel .

yes Scopri i voti ufficiosi del posticipo del lunedì tra Torino e Lecce !

Dopo il gol però la squadra di Mazzarri molla la presa e permette al Lecce di riprendere fiducia. E al 73′ è il Lecce a passare ancora in vantaggio: azione simile a quella che aveva portato al vantaggio di Farias, ma questa volta è Mancosu ad approfittare della respinta corta di Sirigu e appoggiare in rete a porta sguarnita. Al 76′ il Lecce rischia addirittura di fare 3-1, ma Sirigu risponde presente sulla girata volante di Babacar. Il neo entrato Verdi mette apprensione a Gabriel con un tiro cross e poi lo stesso portiere leccese mura Belotti. Giallo al 7' di recupero: Giua viene richiamato a bordo campo per visionare le immagini di una trattenuta in area di rigore su BelottiNiente penalty, ma le valutazioni del direttore di gara faranno discutere.
Il Lecce espugna così l’Olimpico e rovina la serata che per il Torino poteva significare il primato in Serie A insieme all’Inter.

Tra i granata oggi Sirigu poco sicuro nelle respinte, Dijdij fa rimpiangere ancora Nkoulu e Izzo. con Belotti,è ultimo a mollare. anche Berenguer non è il solito, mediana ampiamente sotto la sufficienza. Nele Lecce spicca la prova di un ottimo Falco, Tachtsdis bene in regia, Calderoni a sinistra regala spunti importanti, Farias in palla, Babacar prezioso nel finale.

Approfondimento Pianeta Magazine : FANTA NEWS : ANALISI POST-GARA IN CHIAVE FANTACALCISTICA | pianetafanta.it | Pianeta Sos

Barella non 'scalda' ancora Conte, dalla bella prestazione in azzurro al rosso sfiorato con l'Udinese


Doveva essere il colpo big per la "nuova" Inter targata Antonio Conte, invece il talento cresciuto a Cagliari sta impiegando più tempo del dovuto per ambientarsi a Milano. Discorso diverso invece per il compagno di reparto e connazionale Stefano Sensi, che con due reti nelle prime tre giornate si è conquistato di diritto la fiducia dell'allenatore e l'amore dei fantallenatori che hanno creduto in lui.

Nessuna prestazione negativa di Nicolò sia chiaro, ma una difficoltà evidente nel rientrare nello schema tattico del nuovo allenatore. Il 3-5-2 è un modulo nuovo per lui e per maggior parte dei giocatori dell'Inter (vedi Skriniar), discorso diverso invece per Stefan De Vrij e Antonio Candreva che lo avevano già interpretato alla Lazio e con le rispettive Nazionali.

Un cinque, quello maturato l'ultima giornata contro l'Udinese, che però ha fatto storcere il naso ad Antonio Conte, costretto al cambio nel secondo tempo per non rischiare l'espulsione. Chi è entrato bene al suo posto è invece Roberto Gagliardini, che insieme a Matìas Vecino spingono per una maglia da titolare proprio a discapito dello stesso Barella.

Approfondimento Pianeta Magazine : FANTA NEWS : ANALISI POST-GARA IN CHIAVE FANTACALCISTICA | pianetafanta.it | Pianeta Sos

TRIPLO ASSIST PER PELLEGRINI, FONSECA HA IL SUO TREQUARTISTA DALLE UOVA D'ORO
ROMA PELLEGRINI LO. CENTROCAMPISTA SASSUOLO FANTACALCIO SERIE A

Nella scoppiettante vittoria della Roma domenica, 3 gol su 4 nascono dai piedi di Lorenzo

Scritto da

Triplo assist per Pellegrini, Fonseca ha il suo trequartista dalle uova d'oro

Mister Fonseca si aggiudica i primi tre punti dal suo arrivo in Italia, rifilando quattro gol al malcapitato Sassuolo, chiudendo nel primo tempo la pratica (o quasi, visto che due gol il Sassuolo nel secondo tempo li ha trovati, facendo comunque sussultare l'Olimpico). Sugli scudi, un ex della partita, il giovane centrocampista offensivo Lorenzo Pellegrini.

Pellegrini, classe 1996, al terzo anno nella Capitale, sta diventando ogni giorno che passa un leader carismatico e un giocatore fondamentale, se in condizione. I suoi campionati sono stati sempre martoriati da problemi muscolari che hanno condizionato le scelte tecniche degli allenatori; questa volta è stato bravo lui ad approfittare delle defezioni di due giocatori chiave davanti come Under e Perotti, non facendoli rimpiangere, e panchinando anche il golden boy Zaniolo.

Nel primo tempo di domenica, Pellegrini ha raccolto un ottimo +2,5, realizzando ben 3 assist e spendendo un'ammonizione, ma sicuramente ciò che rimane è la fondamentale eleganza delle sue giocate, sempre pericolose, dettate da una visione di gioco strabiliante. Calcio d'angolo a rientrare del nostro trequartista e Cristante di testa insacca per l'1-0. Il 3-0 nasce da un contropiede concluso con l'assist filtrante per il neoarrivato Mhktharyan, e giochi chiusi con sempre un lancio del man-of-the-match per Kluivert che solo davanti a Consigli non sbaglia.

Fonseca, seppur contento a metà per i soliti errori difensivi, è entusiasta dei suoi giocatori offensivi, a cominciare da Dzeko, simbolo di sacrificio e freddezza sotto porta, per continuare da tutti i suoi centrocampisti offensivi, abili sempre a creare situazioni pericolose. E Pellegrini, da incognita iniziale, si sta rivelando una piacevole certezza, anticipata da noi settimana scorsa...

Approfondimento Pianeta Magazine : FANTA NEWS : ANALISI POST-GARA IN CHIAVE FANTACALCISTICA | pianetafanta.it | Pianeta Sos

CEPPITELLI, DOMENICA DA CAPITANO-BOMBER: TANTI BONUS DA CALCI PIAZZATI!
CAGLIARI CEPPITELLI L. DIFENSORE PARMA FANTACALCIO SERIE A

Nella ottima vittoria esterna spicca il doppio bonus del difensore centrale

Scritto da

Ceppitelli, domenica da capitano-bomber: tanti bonus da calci piazzati!

Domenica sicuramente da ricordare per il difensore classe 1989 Luca Ceppitelli, che milita da ben 5 anni nella squadra rossoblu sarda, diventando ormai un perno fondamentale.

Quest'anno è diventato pure capitano del Cagliari, sicuramente motivo d'orgoglio e responsabilità, che ha trasformato subito in una spiccata concretezza offensiva, regalando i 3 punti ai rossoblu con la sua doppietta. Vittoria sigillata poi dal primo centro stagionale del Cholito Simeone, alla seconda presenza con i sardi.

Il difensore alto 198 cm non è mai stato un difensore da bonus, avendo siglato solamente 4 gol in 4 anni, anzi oltre alla discussa titolarità, il cartellino e i malus erano dietro l'angolo. Fantamedie da difensore rude, almeno 5 cartellini gialli all'anno, e talvolta qualche goffo autogol. Negli ultimi due anni però una piccola rinascita, e la consapevolezza di essere un perno difensivo importante per l'economia della squadra.

Primo gol ieri su inserimento da dietro su cross rasoterra di Nandez respinto dalla difesa, in stile "Nainggolan" per intenderci. Poi raddoppio con "zuccata" vincente su delizioso assist al bacio da punizione di Cigarini. Il Cagliari finalmente ha trasformato l'entusiasmo post-campagna acquisti nei primi tre punti tanto attesi. Occhio quindi ai calci piazzati nelle prossime partite, contro il Parma ci sono state tante altre occasioni da fermo; con un Ceppitelli così poi, non possiamo che scommettere su altri bonus inaspettati.

Approfondimento Pianeta Magazine : FANTA NEWS : ANALISI POST-GARA IN CHIAVE FANTACALCISTICA | pianetafanta.it | Pianeta Sos

Voti fantacalcio Serie A 3.a giornata: Zapata dal nulla, Simeone e Piatek prima gioia, Berardi illumina, Pell

Nel lunch match delle 12.30, parte forte il Genoa, schierato molto bene in campo da mister Aurelio Andreazzoli. E infatti nei primi 10 minuti il Grifone si va vedere almeno un paio di volte dalle parti di Gollini: prima con Pinamonti, bravo ad inserirsi dopo una grande galoppata di Criscito sulla sinistra terminata con un cross basso. Poi con Radovanovic con una conclusione da fuori. Il primo spunto atalantino arriva al 12esimo: strappo del Papu Gomez sulla sinistra, cambio fronte per Ilicic che pennella al centro verso Pasalic. Ma l'ex Chelsea non impatta per questione di millimetri. Da qui la partita vive un momento di stanca, la palla gol più clamorosa tocca ancora al Genoa: Schone imposta, Kouame rifinisce per Lerager che calcia trovando la deviazione della difesa bergamasca. La banda Gasperini comunque riesce a rendersi pericolosa soprattutto grazie ad uno straripante Duvan Zapata: prima si fa tutto il campo a velocità massima non trovando però la collaborazione dei compagni in area genoana. Poi si fa parare un tiro ravvicinato da Radu.

Nella ripresa invece, dopo l’ingresso di Muriel (al posto di uno spento Ilicic), la partita si infiamma e si sblocca il risultato. Al 65′ il neo-entrato segna il calcio di rigore, procurato da Zapata per un fallo subito da suo cugino Cristian. I padroni di casa si buttano in avanti per trovare il pareggio e al 91′ riescono a segnare l’1-1, ancora dal dischetto col capitano Criscito. Le emozioni però non sono ancora finite, perchè all’ultimo minuto di recupero Zapata si inventa un gran tiro sotto la traversa che sorprende Radu e regala i tre punti all’Atalanta. La Dea sale così a sei punti, mentre il Genoa dopo due risultati positivi subisce la prima sconfitta di questa stagione e resta a quota 4. 

Oltre al solito immenso Zapata, bella prova per Gollini, Gomez a tutto campo. Delude Ilicic, Muriel spacca il match. Per il Genoa tanta mobilità per Kouame, Criscito infallibile dal dischetto, Zapata ingenuo, positivo Lerager e Ankersen entra bene sul match con una sgroppata che porta al rigore del momentaneo 1-1.

Pazzo Bologna al Rigamonti di Brescia. I rossoblù vincono 4-3 rimontando da 3-1 grazie a tre gol nella ripresa, nati da una sciagurata espulsione di Dessena. Primo tempo orribile, partita piena di errori, ma alla fine la banda rossoblù esulta. Primo tempo devastante per il Brescia che non varca la metà campo per dieci minuti, poi al primo affondo passa: cross dolce di Romulo per Donnarumma che insacca di testa, vana la parata di Skorupski con la palla già entrata. Il Bologna di fatto esce dal campo e al 19′ un solissimo Donnarumma sigla la doppietta personale con un perfetto tiro a giro da dentro l’area.  La partita sembra riaprirsi al 35′ quando Bani di testa accorcia le distanze su uscita errata di Joronen, ma è un fuoco di paglia perché un Bologna mai così disattento prende il terzo con una zuccata di Cistana sugli sviluppi di un corner. 3-1 all’intervallo.

Il Bologna è più arrembante nellla ripresa ma il regalo arriva da Dessena, già ammonit, che si tuffa in area di rigore rossoblù sotto gli occhi di Rocchi, ammonizione per simulazione e rosso. Il Bologna ne approfitta, prima con Palacio imbeccato da Orsolini a centro area al 56′, poi con Denswil su sponda del ‘trenza’ al 60′. Ci provano anche Sansone e nuovamente Palacio, ma il gol vincente arriva dieci dalla fine: el Trenza imbecca Orsolini con una palla al bacio solo da spingere in rete, 3-4 finale. Bani e Denswil meglio in fase offensiva che in difesa, Palacio e Orsolini prestazione sontuosa, nel Brescia bene Donnarumma e Romulo, disastroso Dessena.

Quattro gol, un legno, due reti annullate, un rigore negato dal VAR: al Tardini tra Parma e Cagliari succede davvero di tutto, ma alla fine a trionfare è la compagine di Maran, quest'oggi probabilmente più spietata degli emiliani. La prima chance capita sui piedi di Hernani, che impegna Olsen con un bolide da fuori, ma la palla-gol più ghiotta è quella che spreca Barillà, il quale, da pochi passi, non riesce ad impattare bene il pallone su un cross tagliato dello stesso Hernani. Poco dopo i ducali sfiorano nuovamente il vantaggio, questa volta con un calcio di punizione di Bruno Alves: l'esecuzione del portoghese è perfetta, ma la sfera si stampa clamorosamente sul palo. Proprio nel miglior momento dei padroni di casa, i sardi sbloccano il punteggio con l'ex di turno Ceppitelli, abile nell'infilare Sepe di piatto su suggerimento a rimorchio di Nandez. Il Parma non demorde e ci prova ancora, prima con Gervinho e poi con Inglese, ma è ancora il Cagliari a trovare la via della rete, nuovamente con l'ispiratissimo Ceppitelli, stavolta abile nel colpire di testa sugli sviluppi di un calcio piazzato di Cigarini.

yes Scopri i voti ufficiosi della domenica della 3.a giornata di Serie A !

La ripresa si apre con un tentativo di Simeone, che allarga troppo la mira e spreca la palla del tris. E' però il Parma, dopo averci provato con Kulusevski, a siglare il gol dell'1-2 con Barillà, bravo a farsi trovare al posto giusto al momento giusto su un cross basso di Darmian.

Gervinho
non è nella sua giornata migliore, e si divora una doppia clamorosa chance (nella seconda circostanza è determinante un super intervento di Olsen). Al 77' Simeone riscatta l'errore precedente, sfruttando una dormita di Gagliolo e chiudendo così virtualmente i giochi. Ma il Parma non ci sta, e nel finale prima si vede annullare un gol per un fuorigioco di Bruno Alves, e poi, sempre dal VAR, si vede negare un rigore concesso inizialmente da Pasqua. Il match si chiude con un'altra rete annullata, questa volta a Joao Pedro. Male Gagliolo, che sbaglia a ripretzione, l'atatcco non funziona, Darmian e Kulusevski i più propositivi tra i ducali. Nandez ancora una volta evrsione assist-man, capitan Ceppitelli diventa bomber, più ombre che luci per Joao Pedro.

Ferrara si conferma città ospitale, per la Lazio di Simone Inzaghi. Nel finale, è la SPAL, grazie alla rete decisiva di Jasmin Kurtic a fare suoi i tre punti, i primi in questo campionato per i ragazzi di Leonardo Semplici. Gli estensi vincono una gara che fino all'ultimo attimo sembrava destinata a non fare contento nessuno: la Lazio gioca un gran primo tempo, va in vantaggio con Ciro Immobile su rigore, ma non chiude la partita.

La SPAL torna combattiva dagli spogliatoi, all'ora di gioca trova il pareggio col solito Andrea Petagna (quarto gol alla Lazio, sua vittima preferita con l'Atalanta) e a quel punto ci crede. Fino alla fine, a differenza di una Lazio a tratti bella ma in fin dei conti inconcludente, e sulle gambe: Inzaghi prova a rifare suo il vantaggio inserendo Milinkovic e Correa, ma dimentica i crampi di Radu. In pieno recupero, così, Strefezza scappa proprio su quella fascia e porta all'azione decisiva che si conclude con un piattone di Kurtic che vale un pomeriggio da ricordare. Bocciata la difesa capotolina in blocco, Immobile si vede solo sul rigore, Caicedo tra i migliori, Luis Alberto senza fantasia. Bene l'intesa tra Di Francesco e Petagna, Cionek cresce alla distanza, Kurtic scuote e trascina i suoi nel finale.

Prima vittoria in questo campionato per la Roma di Fonseca: 4-2 al Sassuolo. Per almeno 50 minuti i giallorossi hanno dominato una partita che, già al 33' era virtualmente chiusa: 4-0 per effetto dei gol di Cristante, Dzeko, Mkhitaryan e Kluivert. In campo un assoluto protagonista: Lorenzo Pellegrini, autore di tre assist in 21 minuti. Da annotare anche i tre legni di Pellegrini, Dzeko e Mancini che portano il totalizzatore dei pali colpiti dalla squadra di Fonseca a 5 in tre partite. Nella ripresa la Roma, però, si rilassa e subisce prima un gol al 53’ su una punizione capolavoro di Domenico Berardi. Il Sassuolo prende fiducia e venti minuti dopo accorcia ancora sul 4-2. ancora con il proprio capitano che ha messo a segno 5 gol nelle ultime due partite. Nel finale occasioni sprecate da entrambe le parti fino al pieno recupero con Pastore che, di testa, manda fuori a pochi passi da Consigli. E Ciccio Caputo fa lo stesso nell'azione successiva, fallendo il 4-3. Dzeko è la solita sentenza, sorpresa MkhitaryanCristante e Kluivert corrono e segnano, buon esordio anche per Veretout. Super Berardi, Marlon e Ferrari da incubo, Defrel sfortunato ma serve di più.

Il Milan batte 1-0 il Verona  al Bentegodi soffrendo le pene dell'inferno. I rossoneri portano a casa i tre punti grazie al gol su rigore di Piatek, ma offrono una prestazione tutt'altro che positiva. L'Hellas, che gioca in dieci uomini (espulso Stepinski per un brutto fallo su Musacchio a gamba alzata) per lunghi tratti del match, sfiora il vantaggio nel primo tempo e nella ripresa (palo) sempre con Verre, e rischia di pareggiare nel finale, al 94esimo, quando Calabria combina la frittata e si fa espellere regalando una punizione dal limite. Lazovic ci riprova nell'ultima azione e sfiora il palo alla destra di Donnarumma. Il Milan è tutto nel rigore del Pistolero (e in un palo colpito da Calabria), che trova il raddoppio ma in modo irregolare: il VAR annulla.

Male Rodriguez che in difesa ha delle pause preoccupanti, Paqueta non trova i meccanismi giusti, Piatek almeno si sblocca. Per la squadra veneta Kumbulla sempre sul pezzo, Zaccagni e Verre portano minacce, Stepinki esordisce come peggio non poteva. 

Approfondimento Pianeta Magazine : FANTA NEWS : ANALISI POST-GARA IN CHIAVE FANTACALCISTICA | pianetafanta.it | Pianeta Sos

Voti anticipi fantacalcio Serie A 3.a giornata: Ribery con classe, Ronaldo isolato. Mertens da record, Sensi

Al Franchi, prima occasione Juve dopo due minuti, taglio di Cristiano Ronaldo con Higuain non puntuale in area, brivido per i viola. Risponde la Fiorentina con Milenkovic mentre si fa male Douglas Costa dopo cinque minuti e Sarri è costretto al primo cambio, dentro Bernardeschi fischiato. Szczesny superficiale rischia il gollonzo, la fortuna salva la Juve, troppe leggerezze della difesa con De Ligt che rischia e Szczesny salva su Ribery. Troppi errori in difesa, i torinesi si  perdono Dalbert e deve salvare Szczesny. Si fa male anche Pjanic ed entra Bentancur, doppio problema per Sarri

Non mancano le occasioni della Fiorentina ad inizio ripresa con la Juventus a pezzi, sulle gambe. Fuori anche Danilo, terzo infortunio e cambi finiti al sessantesimo e dentro Cuadrado. Prova a reagire la Juventus con Ronaldo, tiro debole. Ancora Fiorentina che con Chiesa va ancora vicina al gol. Esce un ottimo Ribery ed entra Boateng. La Juventus non riesce a creare quasi nulla fino al minuto 74 con Khedira in area, sull'uscita di Dragowski, prova a servire Ronaldo ma è provvidenziale l'intervento di Pezzella. Nel finale poco gioco ed un pari che accontenta la Juve per quanto visto in campo, la squadra di Montella ai punti avrebbe meritato certamente di più.

Bene Szczesny, anche se con i piedi è rivedibile, Cuadrado e Bentacur entrano bene,in avanti invisibile HiguainRonaldo paga l'apatia dei compagni. Dalbert è pimpante, Castrovilli regge bene alla sua prima contro la Juve, Ribery regala magie, Milenkovic è un muro, Chiesa non si sblocca.

La prima parata importante tra Napoli e Sampdoria è di Meret che da terra oppone la manona al tiro ravvicinato di Ferrari su azione di calcio d’angolo.. Poi, però, all’improvviso, il Napoli ricorda di essere un orchestra peerfetta. Rimessa laterale sulla tre quarti sinistra, palla rapidamente a destra, cross di Di Lorenzo per Mertens e palla scaraventata di destro alle spalle di Audero per l'1-0.  Un mancato controllo di Elmas, fin lì impeccabile, lascia Rigoni da solo davanti a Meret che compie la seconda parata importante della giornata, La squadra azzurra colpisce la traversa ancora con Mertens, sfiora la rete con Elmas e Lozano.

yes Scopri i voti ufficiosi dei tre anticipi della terza giornata di Serie A !

Dopo la metà del secondo tempo, Ancelotti dà il via alle sostituzioni e fa esordire Llorente (al posto di Lozano). Allo spagnolo bastano due minuti per servire l’assist del raddoppio a Mertens. Il Var si prende un paio di minuti per riflettere su un fuorigioco inesistente e convalida. Fnale in crescita per i padroni di casa che non soffrono mai gli attacchi di Quagliarella e soci. Tra gli azzurri prova sontuosa per Mertens, Elmas debutta con autorità, Di Lorenzo sempre più certezza a destra, Ruiz orchestra come sa fare. Lozano meno brillante, Llorente subito prezioso. In casa blucerchiata, 
Quagliarella unico faro, Rigoni sprecone. Altra prova incerta per Murru e Murillo, Caprari a tratti troppo lezioso.

L’Inter di Antonio Conte ottiene il terzo successo consecutivo in questo campionato, ottenendo lo scalpo dell’Udinese superata per 1-0 nel terzo anticipo del sabato della terza giornata di Serie A. Una vittoria ottenuta al termine di un match più aspro del previsto, visto che i friulani non cedono di un centimetro e non subiscono più di tanto l’effetto dell’inferiorità numerica dovuto all’espulsione di Rodrigo de Paul, reo di uno schiaffo a Candreva a fine primo tempo. 

La rete decisiva la firma l’uomo più caldo del momento in casa nerazzurra, quel Stefano Sensi che al 44' si inventa una girata di testa sul cross di Diego Godin beffando Musso . Nella ripresa occasione per Politano e con Gagliardini da fuori, ma prima Lasagna difende bene palla entra in area e costringe Handanovic a una grande parata. Una punizione insidiosa di Sensi, poi esce un appannato Lukaku per Lautrao Martinez. Al minuto 84 proprio Lautaro manda in corsia Candreva, l'esterno cerca Sanchez, miracolo di Musso sul cileno. In pieno recupero, altra occasione per Sanchez che in scivolata non arriva sul traversone di Candreva. Finiesce così con i nerazzurri che vanno in testa solitaria, in attesa del Toro che giocherà in posticipo lunedì sera. Tra i nerazzurri Sensi dominante. Godin si sente e de Vrij domina i contrasti. Brozovic poco brillante. Lukaku non si accende mai, Candreva sulla fascia è rinato. Bene Lautaro e Sanchez nelle fasi finali, Handanovic poco impegnato ma reattivo nell'unica occasione friulana.
Per la squadra di Tudor, De Paul è la nota stonata, Lasagna quella lieta, da solo bravo a tenere sulla corda la difesa avversaria. Becao si perde Sensi in occasione del gol, Musso compie interventi prodigiosi.

Approfondimento Pianeta Magazine : FANTA NEWS : ANALISI POST-GARA IN CHIAVE FANTACALCISTICA | pianetafanta.it | Pianeta Sos

pianeta news
© 2003 - 2019 PianetaFanta.it - Tutti i diritti riservati