Messias risponde, Diaz no: il confronto tra i due trequartisti rossoneri

Il Milan è ancora in corsa per la lotta Scudetto, lo squillo contro il quadrato e dinamico Genoa ha nuovamente acceso gli animi dei tifosi rossoneri che dopo i due 0-0 di fila contro Torino e Bologna si erano spenti.

Da 6 giornate di fila la difesa non prende gol, ma la nota dolente dell'ultimo mese riguarda la fase realizzativa e la fase di rifinitura: Giroud è troppo isolato, Ibra costantemente ai box e manca l'apporto dei trequartisti che hanno fatto la fortuna in tante partite. Venerdì sera è tornato al gol Rafael Leao, gioiello che sta sbocciando questa stagione (che pecca ancora di discontinuità però), e anche Junior Messias.

L'arrivo di Messias in estate è sicuramente stato lungimirante, approdato per fare la "seconda linea", ha raccolto 22 presenze, titolare per 12 volte, ed è andato a segno in ben 5 occasioni, fantamedia del 6,77. Il brasiliano ha sfruttato la stagione deludente di Saelemaekers in primis, ma anche del trequartista di punta Brahim Diaz, sul quale nutrivano tante aspettative.

Dal trionfo europeo agli infortuni, che stagione è stata per Bonucci?

Il 22enne spagnolo, in rampa di lancio dopo l'ultima positiva stagione, era il cardine dello schema di Pioli, senza praticamente concorrenza alcuna. Acciacchi, prestazioni deludenti, timidezza: Brahim Diaz in pochi mesi da intoccabile è diventato una seconda scelta, Mister Pioli ha ultimamente preferito avanzare centrocampisti difensivi e talvolta accentrare anche lo stesso Messias.

Dopo 3 gol e 2 assist nelle prime 7 giornate, del trequartista ex Real Madrid nessuna traccia, tante insufficienze e prestazioni incolori. 

Il compito di Pioli è quello di recuperare lo spagnolo e sfruttare le doti di Messias: per tentare la vittoria del campionato servirà l'apporto di entrambi!