Giroud da sballo, perchè scambiarlo con Ibra non è più un'eresia

Il derby di sabato, oltre ad aver riaperto il campionato italiano di Serie A, ha lasciato importanti indicazioni ai fantallenatori, soprattutto per quanto riguarda il reparto offensivo rossonero.

Ad inizio anno l'arrivo di Olivier Giroud fece storcere il naso a tanti addetti ai lavori, a causa della non più giovanissima età e le recenti statistiche sotto porta dell'ariete nazionale francese campione del Mondo 2018. I continui acciacchi fisici soprattutto a livello di schiena non lo lasciano in pace, ma il bomber rossonero anche sabato ha dimostrato di essere un vero rapace d'area.

Dopo i primi 70 minuti di attesa, sportellate e sofferenza, a Giroud sono bastati due palloni per ribaltare l'esito del match: prima il tiro deviato di Brahim Diaz aggiustato in rete dal francese per il pareggio, poi una piroetta esteticamente da sogno ad aggirare De Vrij e a battere un sornione Handanovic.

winkUn pò Pogba un pò Vieira, tutto quello che c'è da sapere su Denis Zakariawink

Due gol importantissimi per il sogno rossonero, due gol per riacquistare la fiducia di tanti fantallenatori scettici. Ad oggi 15 partite (di cui solo 8 da titolare!) 7 gol e 1 assist, un gol ogni due partite! Complici i tanti acciacchi del divino Zlatan Ibrahimovic, la situazione potrebbe ribaltarsi: lo svedese classe 1981 a quasi 41 anni non può garantire prestazioni e titolarità.

Cosa fare quindi con Giroud? Ovviamente continuare a puntarci, e se non avete il francese in rosa, provare ad accaparrarvelo: il Milan senza Champions punterà tutto sul campionato e l'impressione è che Giroud sia ormai diventato il punto di riferimento della squadra di Mister Pioli.