Fumata bianca, Ibrahimovic ha detto sì al ritorno al Milan!

Dopo tante voci, proclami, smentite e indiscrezioni, finalmente per i tifosi rossoneri e per il fantacalcio arriva la svolta: Zlatan Ibrahimovic, alla non più giovanissima età di 38 anni, approda nuovamente in Italia, nuovamente al Milan.

Contratto semestrale, rinnovabile per il prossimo anno, ingaggio intorno ai 3 milioni per i prossimi mesi. Un'operazione finalizzata in primis a ridare entusiasmo ad un popolo "falcidiato" dalle brutte figure, in ultimo la debacle con l'Atalanta, e demoralizzato da una classifica impietosa.

L'arrivo dello svedese è poi mirato a curare il mal di gol che ha afflitto la squadra rossonera, i quali attaccanti non riescono più ad uscirne. Ibra sa come si segna nel nostro campionato: solo nei due anni di Milan (10/11 e 11/12) ha segnato 42 gol, più altri 23 con la maglia della Juve giovanissimo e 57 nel triennio interista. 

Insomma un bomber navigato, che in MLS ha continuato a segnare negli ultimi due anni: 52 gol con la maglia dei Los Angeles Galaxy sono un bottino di tutto rispetto, anche se il campionato di livello inferiore, comunque ha dimostrato di essere ancora lontano dal tramonto agonistico.

Disponibile da subito, inizierà ad essere realmente a disposizione dopo metà gennaio, in seguito ad una congrua preparazione in quanto fermo da novembre, finiti i playoff MLS. I fantallenatori si sono già accesi: solo nostalgia o reale occasione di puntellare la rosa con un vero bomber? Ibra è capace di spostare veramente gli equilibri, può tornare il top player che segna e fa segnare: i fantallentori di Piatek e Leao possono giustamente iniziare a preoccuparsi...