SCEGLI squadra

Pianeta Fanta NEWS: ANALISI POST-GARA IN CHIAVE FANTACALCIO

Fantacalcio - Algoritmo Biortimo per ricavare i migliori giocatori durante la stagione - Statistiche innovative per il fantacalcio - Calcio Mercato 2019/2020

PIANETA FANTA NEWS: scopri le informazioni sui calciatori, recuperi ed indicazioni di formazione ogni giorno!
ASCOLTA LE INTERVISTE DEL DOPO PARTITA INTER - ROMA
ROMA INTERVISTE SERIE A INTER CONTE

Le interviste del dopo partita direttamente dalla voce dei protagonisti

Scritto da

Ascolta le interviste del dopo partita Inter - Roma La sfida tra Inter e Roma delude in pieno le aspettative: alla fine, prevalgono l’equilibrio e l’intensità, con le due squadre che alla lunga decidono di non farsi troppo male. Il risultato è uno 0-0 molto bloccato, senza un grandissimo spettacolo. Dopo che nel primo tempo l’Inter, che per diversi minuti ha sofferto il palleggio seppur poco produttivo, degli avversari, ha buttato via alcune occasioni peraltro regalate da degli errori in disimpegno: prima Lukaku non angola a sufficienza e Mirante si esibisce in una parata importante, nel finale lo stesso portiere giallorosso sbaglia il disimpegno ma Brozovic dentro l'area la tira alle stelle.
Pianeta Fanta NEWS: ANALISI POST-GARA IN CHIAVE FANTACALCIO

Voti anticipo 15.a giornata Inter-Roma: difese di ferro, Lautaro stavolta non morde. Borja non sfigura, Miran

La sfida tra Inter e Roma delude in pieno le aspettative: alla fine, prevalgono l’equilibrio e l’intensità, con le due squadre che alla lunga decidono di non farsi troppo male. Il risultato è uno 0-0 molto bloccato, senza un grandissimo spettacolo. Dopo che nel primo tempo l’Inter, che per diversi minuti ha sofferto il palleggio seppur poco produttivo, degli avversari, ha buttato via alcune occasioni peraltro regalate da degli errori in disimpegno: prima Lukaku non angola a sufficienza e Mirante si esibisce in una parata importante, nel finale lo stesso portiere giallorosso sbaglia il disimpegno ma Brozovic dentro l'area la tira alle stelle.

yes Scopri i voti ufficiosi dell'anticipo del venerdì tra Inter e Romal !

Nella ripresa, dopo un grande intervento di Mirante su Vecino, alla fine si assiste ad un match privo di veri sussulti, con l'agonismo a farla da padrone. L'ultima chance capita a Lautaro ma non arriva la deviazione vincente, dopo un contrasto con Mancini.

Bene le difese di entrambe le squadre, nella Roma prova ad accendersi solo Zaniolo in attacco mentre Dzeko entra nel finale ma è ben controllato. Lukaku e Lautaro sprecano e non brillano, poco preciso Biraghi nei cross. Nella Roma Kolarov si fa vedere a destra, stavolta Pellegrini non regala gli spunti di una settimana fa e Mirante fa capire che c'è vita oltre a Pau Lopez.

Pianeta Fanta NEWS: ANALISI POST-GARA IN CHIAVE FANTACALCIO

PROBABILI FORMAZIONI LIVE: Dzeko vuole esserci a San Siro, Muriel dal 1'. Luis Alberto ok, nel Napoli resta f

Conte non fa calcoli, considerata la grande emergenza a centrocampo: dentro Borja Valero per l'acciaccato Gagliardini. In difesa potrebbe giocare D'Ambrosio per Godin. Nella Roma c'è Spinazzola a destra mentre Dzeko prova a recuperare dall'attacco febbrile di queste ore, Perotti dal 1' con Zaniolo a destra, dopo aver scontato la squalifica.

Da valutare Kjaer e De Roon nell'Atalanta, torna Muriel in attacco dall'inizio. In difesa uno solo tra Palomino o Masiello. Nel Verona Kumbulla verso un altro forfait, pronto Emperur,  in regia recuperato Veloso. Out Salcedo, dentro Zaccagni e Verre dietro a Di Carmine unica punta.

Tudor sceglie ancora Walace al posto di Jajalo, a sinistra gioca Samir. In attacco Nestorovski favorito su Lasagna e Pussetto. In dubbio Mertens causa febbre nel Napoli, si scalda Lozano, per l'altra maglia ancora Llorente, visto che Milik è ancora a mezzo servizio. Torna dal 1' Callejon.

Inzaghi con i titolarissimi: anche Luis Alberto in gruppo dopo il leggero affaticamento accusato in settimana. Nella Juve si fa male ancora Ramsey, dentro uno tra Bentancur o Bernardeschi sulla trequarti. Davanti stavolta puà partire dall'inizio Dybala con CR7.

Nel Lecce Dell'Orco rileva lo squalificato Rossettini, in mezzo recupera Majer. Liverani ritrova Falco in panchina, con Babacar potrebbe esserci Farias, tallonato dal redivivo La Mantia. Ghiglione ce la nel Genoa, al centro ancora Biraschi, in attacco Pinamonti resta favorito su Favilli.

cool AGGIORNATI IN TEMPO REALE CON LE NOSTRE PROBABILI FORMAZIONI!

De Zerbi conferma in blocco l'undici che ha fermato la Juve: in panchina riecco Rogerio. Nel Cagliari l'unica variazione può essere rappresentata dal rientro a destra di Cacciatore al posto di Faragò.

Nella Spal a sinistra gioca Reca, viste le non perfette condizioni di Strefezza. In attacco si rivede Floccari al fianco di Petagna e Missiroli nel ruolo di playmaker. Nel Brescia in forse Joronen per una botta al piede,pronto Alfonso. In attacco dovrebbe partire titolare Balotelli con Donnarumma in panchina.

Mazzarri pensa ancora all'attacco leggero con Verdi e Berenguer contro la Fiorentina, in questo caso fuori Zaza. Se Montella recupera Chiesa spazio al 4-3-3 con Benassi pronto a scalzare Badelj e uno tra Ghezzal o Sottil nel trridente.

Nella Samp le certezze in attacco sono Ramirez e Quagliarella, a destra potrebbe giocare Ferrari con Murillo riproposto al centro della difesa. Nel Parma quasi pronto Cornelius che si candida al ruolo di centravanti con Kucka che torna in mezzo al campo.

Bani e Dzemaili verso il recupero nel Bologna, Poli al posto dello squalificato Medel. Out ancora Soriano, spazio a Svanberg sulla trequarti. Rientra Paqueta nel Milan ma potrebbe finire in panchina, in attacco Leao puà sclazare Piatek, Bonaventura schierato da mezz'ala,

Pianeta Fanta NEWS: ANALISI POST-GARA IN CHIAVE FANTACALCIO

GIUDICE SPORTIVO - CONTROLLO AMMONIZIONI 14.A GIORNATA
FANTACALCIO SERIE A GIUDICE SPORTIVO AMMONIZIONI

Verifica sanzioni col comunicato del Giudice Sportivo

Scritto da

Giudice Sportivo - Controllo ammonizioni 14.a giornata

A seguito di verifica delle sanzioni indicate nel comunicato del Giudice Sportivo, nella 14° giornata di campionato non ci sono variazioni rispetto alle ammonizioni dei giocatori indicate nei voti ufficiali.


Qui il riepilogo di giornata.

Pianeta Fanta NEWS: ANALISI POST-GARA IN CHIAVE FANTACALCIO

ALLA FINE ARRIVA THEO, TUTTI I NUMERI DI UN TERZINO SEMPRE PIù BOMBER
MILAN THEO HERNANDEZ FANTACALCIO FANTAMEDIA SERIE A

Il francese protagonista in rossonero con tre sigilli stagionali

Scritto da

Alla fine arriva Theo, tutti i numeri di un terzino sempre più bomber

Dopo due sconfitte e un pareggio il Milan è tornato a vincere. La formazione di Stefano Pioli ha vinto di misura contro il Parma e torna a salire in classifica. 

A regalare la vittoria ai rossoneri, il terzo gol stagionale di Theo Hernandez. Dotato di buona velocità e tecnica, il giocatore da terzino riesce a far bene sia in fase offensiva che in fase di copertura. 

Arrivato a titolo definitivo quest’estate, il difensore francese ha dimostrato quanto possa essere fondamentale in questo Milan. Titolare in dieci partite sulle undici giocate, Theo Hernandez ha una fantamedia che sfiora il sette, con 4 cartellini gialli collezionati in ottica malus. Strabilinate la fantamedia per la redazione Milano (7,32), un chiaro segnale che la redazione ' di casa' tende a premiarlo più delle altre.


no Focus squalificati: 4 giocatori fermati, diffide pesanti in casa giallorossa


Cresciuto nelle giovanili dell’Atletico Madrid, il numero 19 rossonero è una delle poche note liete di questa prima parte di stagione del Milan. La formazione di Pioli, infatti, con i suoi 17 punti occupa ad oggi l’undicesimo posto in classifica. Come il Napoli, insomma, sta deludendo le aspettative. 

 

Considerando la cattiva reputazione creata ai tempi del Real Madrid, il classe ’97 sta dimostrando maturità e voglia di far bene. Con  il tocco di esterno sinistro che ha risolto la partita del Tardini, il francese è ad oggi il miglior marcatore dei rossoneri insieme a Piatek (entrambi a tre centri stagionali). Ma oltre i bonus al fantacalcio, buon segno anche in ottica modificatore, c’è da considerare anche i malus: quattro cartellini gialli rimediati.


enlightenedTop&Flop 14.a giornata: Ciro, ma sei serio? disastro viola


Theo Hernandez, nonostante sia al primo anno in Serie A, sta regalando diverse soddisfazioni anche ai fantallenatori che hanno puntato su di lui. La rinascita stagionale del Milan potrebbe passare anche da lui.

Pianeta Fanta NEWS: ANALISI POST-GARA IN CHIAVE FANTACALCIO

Voti posticipo Serie A 14.a giornata fantacalcio Cagliari-Sampdoria: Joao Pedro sfonda, Pellegrini al bacio.

Cagliari che parte col piglio giusto contro la Sampdoria, con Joao Pedro e Faragò che provano a sbloccare il match, senza successo, nel corso dei primi 10' di gioco. I rossoblu sono padroni del campo, al 26' ci prova ancora Joao Pedro di testa, su pennellata dalla sinistra da parte di Pellegrini, con la sfera di poco sul fondo. Al 33' primo acuto blucerchiato, splendida rovesciata da parte di Quagliarella, respinta in maniera decisiva da Rafael con un colpo di reni ed il pallone in corner. Passano 3' e gli ospiti si portano avanti: Pellegrini, in ritardo su Gabbiadini, scivola e falcia da terra il doriano, causando il penalty per la Samp, prontamente trasformato da Quagliarella.
 

Parte la ripresa e la Samp raddoppia con Ramirez, che sfrutta una sponda di Quagliarella e buca Rafael dalla sinistra per il 2-0 blucerchiato. Al 55' Maran toglie uno spento Castro in favore di Nandez. I rossoblu prendono campo e accorciano le distanze al 69': classica conclusione da fuori da parte di Nainggolan e pallone in buca d'angolo per l'1-2 rossoblu. Passano pochi secondi ed arriva un'altra doccia fredda per i rossoblu: traversone dalla destra di Gabbiadini e gran gol al volo da parte di Quagliarella, che firma il 3-1 per la Samp.
 

yes Scopri i voti ufficiosi del posticipo del lunedì tra Cagliari e Sampdoria !

La gara da questo momento in poi regala spettacolo e gol. I rossoblù premono sull'acceleratore e accorciano con Joao Pedro al 75': traversone di Pellegrini e deviazione decisiva del brasiliano, che firma la sua doppietta personale e il gol del 3-3 apena due minuti dopo, sfruttando il suggerimento di Nainggolan. Maran getta nella mischia Ionita per Rog e Cerri per Simeone. Mossa vincente del tecnico rossoblu: al 97' succede l'impensabile: ennesimo cross al bacio di Pellegrini, Cerri stacca in maniera maestosa e beffa Ferrari in anticipo e Audero sul suo palo con un'incornata imprendibile che vale il tripudio e l'aggancio alla Roma al posto in classifica.
 

Per i sardi prestazioni di altissimo livello per Joao Pedro e Nainggolan, Pellegrini regala assist di rara bellezza. Nandez entra nel match con personalità, male Castro e Simeone. Per la Sampdoria il doppio ruggito di un Quagliarella ritrovato e la conferma del momento d'oro di Ramirez, Thorsby assolutamente rivedibile in marcatura, Vieira ci mette corsa e grinta in mezzo al campo.

Pianeta Fanta NEWS: ANALISI POST-GARA IN CHIAVE FANTACALCIO

E' UN PASALIC A TUTTO CAMPO, IL FANTACALCIO RITROVA UN INCURSORE DAL BONUS FACILE
BRESCIA PASALIC M. CENTROCAMPISTA ATALANTA DOPPIETTA FANTACALCIO

Nel primo anticipo, il croato ha spaccato letteralmente la partita

Scritto da

E' un Pasalic a tutto campo, il fantacalcio ritrova un incursore dal bonus facile

Dopo aver conquistato un'ultima chance europea battendo la Dinamo Zagabria infrasettimanalmente, l'Atalanta di Gasperini sabato alle ore 15.00 si trovava dinanzi all'ostacolo Brescia in un derby che si annunciava incandescente e che mancava da ben 12 anni.

Nonostante la fame di punti del neopromosso Brescia, la banda bergamasca ha regolato la pratica con un perentorio 0-3 al Rigamonti, correndo un unico rischio sul legno colpito da Balotelli. Tanti i protagonisti della netta vittoria, che costerà la panchina a Fabio Grosso, su tutti spicca il nome di Mario Pasalic, che con una doppietta di pregevole fattura ha portato sul 2-0 la squadra neroazzurra, prima del definitivo "punto" firmato Ilicic.

Tanti i fantallenatori che hanno esultato, soprattutto avendolo schierato con sicurezza dopo l'annuncio delle formazioni ufficiali. Il problema di Pasalic (e un po' di buona parte della rosa orobica) è che vive nel costante limbo della dubbia titolarità. Fino ad ora tante presenze, probabilmente anche più del previsto: 13, di cui ben 12 da titolare, schierato mediano davanti alla difesa o sulla trequarti, in continuo ballottaggio nelle probabili formazioni.

Dopo alcune prestazioni altalenanti, sabato il croato classe 1995 ha sfoggiato una prestazione superlativa: con un gol di testa ha aperto le danze, mentre nel secondo tempo su assist dopo incursione in area di Ilicic, con uno splendido colpo di tacco, buca l'incolpevole Joronen.

Giocate di classe, tanto movimento, imprevedibilità e cinismo sotto porta, Mario Pasalic è un giocatore a tutto tondo, che può coprire diverse posizioni in campo in modo diligente ed efficace. Dopo il primo anno in ombra nella nostra competizione con il Milan (comunque autore di 4 gol!), lo scorso anno sbarca a Bergamo tra lo scetticismo generale. Lui zittisce tutti con 31 presenze e 5 gol, fantamedia del 6,63, diventando una certezza per Gasperini, nonostante lo utilizzi spesso nelle turnazioni. 

Da perfetto dodicesimo a qualcosa in più, che stagione può essere per Pasalic all'Atalanta?

Quest'anno già 3 gol siglati, due assist (e un autogol che macchia la fantamedia): Pasalic ora è una certezza tra gli orobici, e soprattutto per i fantallenatori.

Pianeta Fanta NEWS: ANALISI POST-GARA IN CHIAVE FANTACALCIO

DRIBBLING E MAGIE, A SASSUOLO è SCOPPIATA LA BOGA-MANIA!
JUVENTUS BOGA J. ATTACCANTE SASSUOLO CUCCHIAIO BUFFON G.

Il meraviglioso gol a Buffon è la ciliegina sulla torta di una crescita progressiva...

Scritto da

Dribbling e magie, a Sassuolo è scoppiata la Boga-mania!

Risultato assolutamente inaspettato all'Allianz Stadium di Torino, nel lunch match tra Juventus e Sassuolo. Giornata che appariva assolutamente favorevole per le due fuggitive in vetta alla classifica: la Juventus ospitava il Sassuolo di De Zerbi, e l'Inter di Conte in casa contro la "annaspante" Spal. 

L'Inter non ha tradito le attese, regolando (non senza patemi) la squadra estense per 2-1, mentre la Juve è incappata nel più classico dei passi falsi. Eroe di giornata, oltre al portiere esordiente classe 2001 Turati che ha regalato emozioni a tutti gli appassionati di calcio, è stato il franco-ivoriano Jérémie Boga, attaccante classe 1997 al secondo anno con la maglia neroverde.

Dopo l'iniziale vantaggio di Bonucci, il Sassuolo ha pareggiato pochi minuti dopo con un eurogol del suo gioiellino: scambio al limite dell'area con Ciccio Caputo (marcatore del momentaneo vantaggio successivo) e "cucchiaio" da posizione defilata ad un mostro sacro come Buffon. 

Questo però è stato il coronamento di una prestazione maiuscola, fatta di corsa, dribbling e giocate da campione: senza l'uomo simbolo dei neroverdi Berardi e l'altro attaccante Defrel arruolabili, Boga si è caricato la squadra sulle spalle e nel tandem con Caputo hanno regalato scambi e fraseggi interessanti, coronando al meglio la filosofia di gioco e di attacco di Mister De Zerbi.

La domenica perfetta di Ciccio Caputo, perchè il gioco del Sassuolo adesso vale tanti bonus

Il giocatore, cresciuto nelle giovanili del Chelsea, dopo un continuo girovagare sembra aver trovato la sua dimensione, e anche il Mister conferma che può essere considerato uno dei migliori attaccanti in circolazione nella massima serie italiana. Occhio alla sua stagione, dove ha già collezionato 4 gol (superato già lo score di tre marcature dell'anno precedente) e un assist in 12 partite giocate.

Numeri importanti, benauguranti per il suo futuro calcistico e fantacalcistico...

Pianeta Fanta NEWS: ANALISI POST-GARA IN CHIAVE FANTACALCIO

Ribery, è lesione alla legamento della caviglia: quante gare salterà l'ex Bayern?

Terza sconfitta consecutiva e un brutto infortunio per uno dei giocatori più importanti per la squadra. 

 

La Fiorentina di Vincenzo Montella non vince dal  30 ottobre scorso, dalla vittoria per 2 a 1 contro il Sassuolo. A peggiorare il periodo già abbastanza negativo della squadra di patron Commisso, l’infortunio che ha colpito Franck Ribery.

 

Uscito al termine del primo tempo dalla sfida contro il Lecce, il francese, secondo gli esami a cui si è sottoposto, ha rimediato una lesione di primo/secondo grado a carico del legamento collaterale mediale della caviglia destra. Il calciatore ha già iniziato il percorso terapeutico e le sue condizioni verranno rivalutate nei prossimi giorni.

 

Stando alle prime informazioni, il giocatore potrebbe stare lontano dai campi da gioco per circa due settimane. Seguiranno aggiornamenti.

Pianeta Fanta NEWS: ANALISI POST-GARA IN CHIAVE FANTACALCIO

Voti fantacalcio Serie A 14.a giornata: Turati ad occhi aperti, Lautaro e Immobile no limits, Mertens spreca,

La Juventus, contro il Sassuolo, passa con  Bonucci, bell’inserimento del difensore che sale dopo un’azione avvolgente e conclusione del difensore con Turati che non arriva. Ma come capita troppe volte in stagione, si distrae, bell’inserimento di Boga in area (su assist di Caputo) che con il cucchiaio batte Buffon. Ancora una volta la Juventus va in vantaggio e subisce la rete del pareggio dopo pochissimo. I bainconeri reagiscono con Higuain, palla alta. Mala la Juventus in difesa, occasioni per Locatelli e Traoré.

Inizio di secondo tempo drammatico con la Juventus che commette tre errori in uno e fa segnare il Sassuolo con Buffon e De Ligt colpevoli e gol di Caputo che ribalta il match. La Juventus prova a reagire con il baby Turati che sale in cattedra, due belle parate su Ronaldo. Entrano Dybala e Matuidi per due insufficienti Emre Can e Bernardeschi. La Joya aumenta la pressione e su un errore della difesa opsite Dybala viene steso e Ronaldo pareggia dal dischetto. Continuano le parate di Turati che salva anche su Dybala. Ancora Juventus pericolosa su punizione con Pjanic, dopo una bella azione di Ronaldo. Ci prova anche Ramsey, ma il tiro è centrale e c’è solo un brivido per una respinta imperfetta di Turati che riesce a rimediare prima che la sfera lo superi. La Juventus spinge nel finale ma sbaglia troppo e porta a casa un pareggio deludente nella corsa per il titolo.
 

Nella Juve male Bernardeschi da rifinitore ma non è una novità, l'attacco combina poco contro una difesa che chiude e riparte. De ligt ppeggiore in campo con errori fantozziani, Alex Sandro motorino inesauribile, Dybala ha il merito di procurarsi il rigore del pari. Per i neroverdi un Boga sontuoso, Caputo è un vero bomber, Locatelli sempre pulito in mezzo al campo, altro protagonista Marlon che di testa le prende tutte e infine il sogno del classe 2001 Turati che para il bolide di CR7, ancora non al top, e non si scompone quando arrivano i pericoli dalle sue parti.

Un primo tempo di dominio assoluto, poi qualche patema d’animo di troppo nella ripresa. Ma questa volta, l’Inter riesce a mettere la freccia e superando la Spal col punteggio di 2-1 opera il sorpasso in vetta alla classifica ai danni della Juventus. Nel primo tempo doppio Lautaro (in contropiede e di testa) conferma il suo magic moment, Handanovic non rischia nulla. Nella ripresa subito Valoti al 51' a riaprire il match con una serpentina di pregevole fattura ma è Lautaro a sprecare il tris facendosi ipnotizzare da Berisha dopo un filtrante meraviglioso di Lukaku. Nel finale Vecino da fuori, dopo avere mancato un'altra occasione nitida, impegna Berisha in corner, la Spal ci prova con Tomovic che su sponda di Petagna cicca la conclusione e grazie Handanovic, Dopo 4' di recupero Conte e i suoi si godono il primato in classifica dopo il sorpasso sulla Juve (fermato sul 2-2 in casa dal Sassuolo). Oltre al solito immenso Lautaro, da sottolineare il gran lavoro ad aprire spazi di Lukaku, Brozovic gioca con grande senso della posizione, Skriniar è in diffida e gioca impaurito, Candreva offre spunti di qualità come l'assist per il 2-0. Bene Berisha che tiene a galla i suoi, Petagna nella ripresa cresce e Valoti è bravo a sfruttare la prima occasione utile, Igor soffre quando l'Inter accelera.

La Lazio fin dai primi minuti di gioco approccia perfettamente la gara con l’Udinese, spazzando via le preoccupazioni inziiali. Il vantaggio è firmato Ciro Immobile che deposita in rete il pallone servito da Milinkovic-Savic. La giocata del serbo è da appalusià: stop di petto, avversario controllato con il fisico e passaggio preciso dentro l'area piccola. Gli uomini di Inzaghi gestiscono il vantaggio fino al 32esimo, quando Correa entra in area di rigore e viene steso da Ekong. L’arbitro Di Bello dopo essere andato a rivedere l’azione al monitor assegna il calcio di rigore. Ciro Immobile con freddezza batte Musso e porta i biancocelesti sul 2-0. Al 44' azione molto simile a quella del raddoppio, con Nuytinck che sgambetta il solito Correa. L’arbitro questa volta non ha dubbi e assegna subito il penalty. Immobile cede il pallone a Luis Alberto che sceglie lo stesso angolo del numero 17 e non sbaglia per il tris. Nella ripresa lo spartito non cambia, la Lazio è in controllo e tiene il pallino del gioco. All’80esimo occasione anche per André Anderson al debutto in prima squadra. Immobile sempre più infallibile in area, Luis Alberto e Milinkovic dominano la scena ognuno a modo loro, Correa in campo aperto è devastante,  Ancora impalpabile De Paul, disastroso Becao in difesa e Musso limita il passivo.
 

yes Scopri i voti ufficiosi della 14.a giornata di Serie A !

Il Milan vince meritatamente una partita dominata dall'inizio alla fine a Parma grazie ad un gol di Theo Hernandez arrivato negli ultimi minuti. I rossoneri hanno controllato il match e hanno offerto ottime trame offensive, peccando però più volte nel momento della conclusione. Il risultato sarebbe potuto essere più rotondo, ma Pioli può tornare a respirare un minimo, ora deve trovare un rimedio alla sterilità offensiva della squadra, che crea tanto ma non riesce a concretizzare. Cominciano meglio proprio i rossoneri, con Calhanoglu che, servito da Piatek, mette paura a Sepe con una staffilata.

Passano pochi minuti e sono ancora i ragazzi di Pioli a rendersi pericolosi, stavolta con un colpo di testa di Romagnoli sugli sviluppi di un calcio d'angolo. Al 24' arriva una doppia occasione per il Milan, ma prima è bravo Sepe a dire di no a Kessiè; poi, invece, Hernandez, a porta spalancata, non riesce ad arrivare puntuale all'appuntamento col gol. D'Aversa nella ripresa prova a dare nuova linfa ai suoi con gli ingressi di Grassi e Cornelius, ma è sempre la formazione di Pioli a fare la partita, sfiorando il gol in diverse circostanze con Suso e Calhanoglu. Quando il match è ai titoli di coda è Theo Hernandez, il bomber che non ti aspetti, ad approfittare di uno sfortunato tocco all'indietro di Bruno Alves e a trafiggere Sepe, regalando al Milan tre punti d'oro. Bene Conti che continua a migliorare, Theo Hernandez ancora risolutivo, l'unica stecca di giornata in casa rossonera è quella del solito Pistolero spento Piatek. Darmian sbaglia nel finale, Kulusevski poco brillante, Sepe il migliore, Gervinho gioca con scrsa lucidità.

Nel primo tempo, il Napoli non alza mai i ritmi contro il Bologna non impregnando quasi mai Skorupski. Da segnalare soltanto un gol di Lozano in fuorigioco, bel gol su finta di Fabian Ruiz ma il messicano è effettivamente al di là di tutti. Poi un’azione di Insigne che ha percorso mezzo campo incrociando da sinistra a destra, diagonale e sulla respinta del portiere si è avventato Llorente per il tap-in decisivo. Il Napoli comincia la ripresa in modo più pimpante ma appare subito squadra senza equilibrio. Arriva l’1-1 del Bologna con il gol di Skow Olsen che coglie la difesa  azzurra scoperta su una respinta di Koulibaly. La banda Ancelotti potrebbe sfondare ancora: prima con Mertens e il suo destro fuori di pochissimo, Llorente che non è riuscito a deviare un cross basso di Maksimovic, e infine ancora il belga che ha gettato alle stelle uno splendido assist di Lozano.  Il Bologna ringrazia e trova il gol vittoria al 36'. Errato disimpegno di Maksimovic, pallone a Sansone che può insaccare indisturbato da due passi. Al 95'  la beffa per gli azzurri: annullato il gol del possibile 2-2, sempre di Llorente (pescato dal VAR in fuorigioco di pochi centimetri). Fischi dei tifosi napoletani al triplice fischio. Errori pesanti per Koulibaly e Mertens, Fabain Ruiz  e Insigne non sono più quelli dei bei tempi, si salva Llorente che è il più pericoloso dentro l'area. Per i rossoblù prima sigillo e bella prova per Skow Olsen, Sansone e Palacio sguscianti, bene pure Tomiyasu in difesa.

La Roma di Fonseca riesce a sbancare anche il Bentegodi imponendosi sull’Hellas Verona 3-1, squadra che, tra l’altro, vantava, prima di questo match, la seconda miglior difesa della Serie A. A sbloccare il match ci pensa Kluivert che, pescato da Pellegrini sulla linea del fuorigioco, riesce a battere il portiere scaligero con un gran tiro dalla sinistra. Passano 5 minuti è la gara ritorna in parità con la rete di Faraoni che di testa sfrutta il cross di Zaccagni. Alla mezz’ora l’autore del gol giallorosso è costretto a lasciare il campo per un problema muscolare accusato alla coscia sinistra: al posto dell’olandese entra Perrotti che allo scadere della prima frazione di gioco realizza la rete del doppio vantaggio romanista dagli 11 metri (fallo di Gunter che abbatte Dzeko in area).
 

Nel corso della ripresa la Roma accusa un po’ della stanchezza di questo periodo intenso in cui si gioca ogni tre giorni, rischiando in più di un’occasione di subire il gol del pari, ma riesce comunque a mantenere il risultato invariato fino al 92’, quando Mkhiataryan cala il tris e chiude definitivamente la gara su pregevole assist di Perotti. Ora la squadra di Fonseca si trova al quarto posto in solitaria, in attesa che il Cagliari giochi domani sera. Bene Pellegrini che interpreta una gara da rifinitore preciso, Perotti sfrutta a pieno la sua chance, Dzeko sempre utile a far salire i suoi, Kluivert si fa male ma è tra i migliori fin quando è in campo. Tra i veneti altra prestazione notevole di Amrabat, Faraoni e Zaccagni spine nel fianco, Gunter macchia la sua prova con un fallo da rigore ingenuo.

Pianeta Fanta NEWS: ANALISI POST-GARA IN CHIAVE FANTACALCIO

pianeta news
© 2003 - 2019 PianetaFanta.it - Tutti i diritti riservati